Miguel de Cervantes, Don Chisciotte

“Don Chisciotte della Mancia” il capolavoro narrativo di Miguel de Cervantes

1933: French actor Fyodor Chaliapin Jnr (1907 - 1992) and George Robey (1868 - 1954) star in G W Pabst's film version of Miguel de Cervantes' classic novel 'Don Quixote'. (Photo by Roger Forster/General Photographic Agency/Getty Images)

Non è l’unico, ma è sicuramente il romanzo che l’ha reso famoso in tutto il mondo. “Don Chisciotte della Mancia” (“El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha” in spagnolo) è tra le opere letterarie del Seicento più lette, tradotte e reinterpretate, scritte da Miguel de Cervantes.

Un romanzo epico-cavalleresco, miscelato con altri stili narrativi come il picaresco, pienamente satirico. Iniziato a a Messina durante la sua convalescenza in seguito alla battaglia di Lepanto, il romanzo nasce da un pretesto narrativo: si tratta di Cide Hamete Benengeli, storico,  di cui Cervantes dichiara di aver ritrovato e tradotto il manoscritto in aljamiado (lingua romanza diffusa tra i moriscos scritta coi caratteri arabi) nel quale sono raccontate le vicende di Don Chisciotte. Terminato nel 1605, ancora oggi è considerato il romanzo della letteratura spagnola più celebre al mondo.

Il romanzo è suddiviso in due parti e narra le vicende del protagonista, Alonso Quijana, un hidalgo appassionato lettore di romanzi cavallereschi. Una passione che col tempo diventa un’ossessione, al punto da portarlo a seguire le orme e le gesta dei  cavalieri erranti, nell'intento di aiutare i deboli e sconfiggere i prepotenti. Così, in sella al suo Ronzinante, parte all’avventura,  non poco semplice, assieme al suo scudiero un  povero contadino di nome Sancio Panza. Un’avventura a metà tra il sogno e la realtà, in cui mulini a vento vengono scambiati per giganti, dove gregge di pecore e montoni diventano i suoi nemici, alla scoperta di tanti personaggi che fanno da cornice alla ventura nella Spagna del Seicento, tra Barcellona e Saragozza.

circa 1782: 'The Castle in the Moon - a new adventure, not mentioned by Cervantes'. Fictional Spanish knight Don Quixote and his companion Sancho Panza besiege the 'castle in the moon' of Gibraltar, occupied by the British. 'Sancho! We'll sit down before the castle, & starve them out, Sancho.' proposes the hero, to which Panza replies 'Starve them out, o Lord! O Lord! We're like to be starv'd ourselves first! There's not a mouthful left in the wallet, & I'm grown as thin as a Shotten herring.' Meanwhile a French monkey stands on the neck of the horse, making bold gestures with his sword. (Photo by Hulton Archive/Getty Images)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail