Le biblioteche mobili a Seul, Corea del Sud

Biblioteche allestite all'interno del Parco dell'Innovazione, a Seul

Una biblioteca in città è sempre un piacere. Un invito alla lettura agevolato e gratuito che non può che fare bene alla società. Quando poi la biblioteca è anche bella, allora abbiamo fatto tredici. Come con queste biblioteche mobili realizzate a Seul, in Corea del Sud.

In cosa consiste questo nuovo progetto architettonico?  In biblioteche realizzate con materiali particolari che possono essere allestite praticamente ovunque. Sono quattro piccoli padiglioni dove collocare libri e riviste, realizzati dallo studio di architetti coreani SpaceTong (ArchiWorkshop) per un progetto di riqualificazione del Parco dell’innovazione, una vasta area della città da anni in disuso e oggi aperta come parco pubblico.

Ogni padiglione ha una forma e un design differente: in uno dei quattro, ad esempio, sono stati collocati all’interno dei tronchi d’albero utilizzati come scaffali per i libri o come sedie dove sostare durante la lettura. Forma e dimensioni differenti, quindi, ma unico obiettivo: custodire i libri e permettere ai cittadini di consultarli gratuitamente all'interno di un'area pubblica.

Certo, è da vedere poi quali testi e documenti vengono diffusi all'interno di queste librerie mobili, visto che la Corea del Sud non vanta un'ottima posizione per quanto riguarda la libertà di informazione e di espressione: secondo un recente rapporto di Reporter Sans Frontières, la Corea del Sud si trova al 39 esimo posto. Un gradino sopra l'Italia tuttavia, che si colloca al 40esimo.

Credits | Archiworkshop, June-Young Lim

  • shares
  • Mail