Game of Thrones, George R.R.Martin: "The Winds of Winter non è finito"

Il sesto libro della saga “A song of ice and fire” da cui è tratta la celebre serie “Games of Thrones”, non è finito

“Winds of Winter”, il sesto libro della saga “A song of ice and fire” da cui è tratta la celebre serie “Games of Thrones”, non è finito. Non è un fake, ma sono le parole scritte personalmente da George R.R. Martin, autore della saga, sul suo personale blog.

"Volevate un aggiornamento. Ecco l’aggiornamento. Non vi piacerà", scrive Martin in un post datato 2 gennaio 2016. Un post in risposta alle centinaia di richieste dei suoi fan di non scrivere più nulla sul nuovo libro. E invece "Ci sono centinaia di pagine scritte, dozzine di capitoli… ma molto ancora deve essere scritto (e riscritto), sono a mesi di distanza dal finire il libro e questo se la scrittura andrà via bene".

Quale è la cattiva notizia? E' che si prospetta un anno mega spoiler: sì perchè se da una parte la notizia di un nuovo capitolo non è un problema per i suoi seguaci della serie tv, per i suoi fan lettori è un bel guaio, visto che la sesta stagione del Trono di Spade inizierà come previsto il prossimo aprile, basandosi sulla sceneggiatura del nuovo libro ancora non pubblicato. Rivelando così ai suoi fan lettori il "come andrà a finire" prima di avere il voluminoso mattoncino tra le mani.

E' lo stesso Martin a rassicurare i suoi fan sul rischio anticipazioni: nel post scrive che "Se mi chiedete se lo show televisivo darà spoiler sul libro tutto quello che posso dire è “sì e no”… Alcuni degli spoiler che potrete incontrare durante la visione della sesta stagione potrebbero non essere per niente spoiler… perché la serie tv e i libri hanno preso strade diverse, e continuerà a essere così".

Tra qualche mese, quindi, si risponderà a numerosi quesiti lasciati in sospeso, come che  fine ha fatto Jon Snow. E molto altro. A Martin non resta che augurare ai suoi seguaci di divertirsi, nonostante tutto. "Enjoy the show. Enjoy the books".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail