Assolto Erri De Luca: il fatto non sussiste

Assolto lo scrittore napoletano Erri De Luca. Le dichiarazioni per cui era stato denunciato

Italian writer Erri De Luca, accused of inciting damage to a controversial high-speed rail link through the Alps, arrives on the last day of his trial, on October 19, 2015 in Turin. Italian prosecutors called for Erri de Luca to be thrown behind bars for eight months and the verdict is expected today. AFP PHOTO / MARCO BERTORELLO (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

E' stato assolto. Perché il fatto non sussiste. Finisce così il processo a Erri De Luca, scrittore napoletano imputato per istigazione a delinquere per aver sostenuto che la Tav "va sabotata".

Affermazione che ha sostenuto e ribadito anche oggi nel Tribunale di Torino, pubblicata sulla pagina Facebook di Giangiacomo Feltrinelli Editore: "Confermo la mia convinzione che la linea sedicente ad Alta Velocità va intralciata, impedita e sabotata per legittima difesa del suolo, dell'aria e dell'acqua". Aggiungendo: "Anche se non fossi io lo scrittore incriminato  sarei comunque qui dove si sta compiendo un esperimento, un tentativo di mettere a tacere parole contrarie".





#IoStoConErriLa dichiarazione spontanea di Erri De Luca al giudice. La sentenza sarà oggi alle ore 13."Sarei presente...

Posted by Giangiacomo Feltrinelli Editore on Lunedì 19 ottobre 2015




Lo scrittore ha detto di sentirsi "parte lesa" nei confronti "di ogni volontà di censura e sono in quest'aula per sapere se il capo d'accusa invaliderà l'articolo 21 della Costituzione". "Ciò che è costituzionale - ha proseguito - si decide e difende in luoghi pubblici come questo, come le scuole, le prigioni, i luoghi di lavoro, le frontiere attraversate dai richiedenti asilo. Si decide al piano terra della società".

Quanto alle accuse, De Luca ha osservato che "sono incriminato per aver usato il termine sabotare, un termine che considero nobile, perché praticato da figure come Ghandi e Mandela, e democratico. Sono disposto a subire la condanna penale  ma non a farmi censurare o ridurre la lingua italiana. Si incrimina il sostegno verbale a un'azione simbolica".

 

Erri De Luca, le frasi per cui è stato incriminato


23 Settembre 2015

Otto mesi di reclusione. E' la condanna che La procura di Torino ha chiesto per  Erri De Luca, lo scrittore e giornalista napoletano accusato di di istigazione a delinquere per alcune affermazioni dette in merito alla questione Tav.

La storia risale al 2013 quando De Luca, intervistato dall'Huffington Post, disse in merito della questione controversa dell'alta velocità Torino-Lione le seguenti parole:

"La Tav va sabotata [...] Ecco perché le cesoie servivano: sono utili a tagliare le reti. Nessun terrorismo”.

Le affermazioni erano legate al fermo di qualche giorno prima di due ragazzi trovati nei pressi dei cantieri in Val di Susa intenti a sabotare il cantiere. A loro De Luca si rivolgeva nell'intervista - successivamente ribadite anche al sito Ansa - spiegando come quella lotta fosse necessaria  per opporsi alla realizzazione di “un’opera nociva e inutile”, sostenendo che davanti al fallimento di tavoli di governo “il sabotaggio è l’unica alternativa”.

Le parole dello scrittore arrivarono all'orecchio dei vertici della Lyon-Turin ferroviaire (Lft),  società francese che gestisce i lavori della Torino Lione, che denunciarono De Luca alla procura di Torino.
"Più democratica e civile della lotta dei No Tav non ne conosco. Vorrei sapere - ha detto De Luca prima di entrare in aula del Tribunale - se ho davvero istigato qualcuno, e chi".  Un processo alle parole, così aveva già commentato De Luca all'apertura del processo:

"Adesso sarà un processo sulle frasi che ho detto. Io ho usato la parola 'sabotaggio', che è una parola nobile usata anche da Gandhi. Continuo a pensare che il Tav vada sabotato, ma sono convinto che si saboterà da solo perché non ci sono i soldi per costruirlo. Il buco del Tav sarà un 'buco interrotto', un 'bucus interruptus'".

Italian writer Erri de Luca attends on May 12, 2008 a conference at the Jerusalem Writer Festival. De Luca, who is author of several novels and has translated several books of the Old Testament, is taking part in a literature event in Jerusalem that hosts a group of highly respected writers from around the globe. AFP PHOTO/MARCO LONGARI (Photo credit should read MARCO LONGARI/AFP/Getty Images)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail