Leggi sui mezzi pubblici? Viaggi gratis

MADRID, SPAIN - NOVEMBER 13:  A woman reads a book while waiting for a bus on November 13, 2012 in Madrid, Spain. Spain's trade unions have called a general strike for November 14, the second general strike during Mariano Rajoy's presidency. Protestors from social movements are expected to join striking public sector workers to protest against austerity cuts and labour reforms. Spain's unemployment rate has now reached 25 per cent.  (Photo by Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

A Cluj-Napoca, in Romania, nello scorso mese di giugno è stata lanciata un’iniziativa per stimolare la lettura durante i viaggi in autobus. Tutti coloro che - invece di far scivolare il proprio indice su di uno smartphone o su di un tablet - sono saliti sui mezzi di trasporto pubblico con un libro, non hanno dovuto pagare il biglietto.

A lanciare questa iniziativa è stato Victor Miron, un grande appassionato di libri che ha voluto così incoraggiare l’amore per la lettura nei suoi concittadini. Il mezzo con il quale è avvenuta la “chiamata alle pagine” è stato Facebook. Dopo avere testato l’idea fra i suoi amici, Miron ha interpellato il sindaco Emil Boc chiedendogli di supportare l’iniziativa. Ci è voluto circa un anno per rendere operativa l’iniziativa che fa seguito a un’altra campagna dallo stesso Miron, quella di Bookface con la quale tutti i clienti con un libro nella loro foto profilo di Facebook potevano richiedere sconti nei negozi convenzionati, non solo librerie, ma anche studi dentistici e saloni di bellezza.

Via | Boredpanda

  • shares
  • Mail