"La società degli immortali", il thriller di Wes Craven

gettyimages-112044824.jpg

La notizia della morte di  Wes Craven, regista di film culto come Nightmare, Scream e Le colline hanno gli occhi, ha sconvolto non poco i cinefili del genere horror.

In pochi però conoscono il lato di Craven, morto a 76 anni per un tumore al cervello, scrittore. Un suo romanzo pubblicato in Italia è "La società degli immortali". Edito da Piemme, la storia è ambientata nella base militare di White Sands, New Mexico. Questa la trama:

"Da anni il Nobel Peter Jance lavora con geniale accanimento alla messa a punto di un'arma dal devastante potere distruttivo. Ma un male incurabile minaccia di ucciderlo prima che Peter possa apportare le ultime, fondamentali modifiche alla sua terrificante "creatura". C'è una sola via d'uscita: accettare l'inquietante proposta dell'amico e collega Freddy Wolfe, che promette di regalargli l'immortalità... "

A metà tra un horror e un techno-thriller, il romanzo non rientra tra i capolavori assoluti di Craven, ma è un libro da leggere per gli appassionati e gli amanti del regista di Cleveland. Laureato in lettere e filosofia alla John Hopkins University, Craven ha iniziato come insegnante, ma è sempre stato il cinema la sua passione che lo ha portato ad abbandonare il suo posto di lavoro sicuro per dedicarsi dapprima al porno e poi all'horror.

gettyimages-112040167.jpg

 

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail