E' morto Oliver Sacks

Muore a New York il neurologo e scrittore Oliver Sacks. Aveva 82 anni

sacks.jpg

Oliver Sacks, 82enne neurologo britannico di fama mondiale e appassionante scrittore, è morto oggi New York dopo una lunga malattia: a dare l'annuncio al quotidiano New York Times è stata Kate Edgar, la sua assistente.

Sacks, che nel febbraio scorso aveva annunciato la sua malattia (un tumore maligno al fegato) con un editoriale sul giornale newyorkese, viveva nella Grande Mela da Tempo: tra il 2007 e il 2012 è stato infatti uno stimatissimo professore di neurologia e psichiatria alla Columbia University, dove tra l’altro era riconosciuto come un Columbia Artist, e in precedenza ha trascorso diversi anni nella Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University di New York ed è stato professore esterno all'Università di Warwick nel Regno Unito.

Oltre all'attività accademica, per la quale era considerato un luminare a livello internazionale, Oliver Sacks è ricordato da milioni di lettori di tutto il mondo come un grandissimo autore di libri e best-seller, molti dei quali hanno per soggetto persone con disturbi neurologici: il suo libro forse più famoso è del 1973, titolato 'Risvegli' e fu adattato in un film omonimo nel 1990, diretto da Penny Marshall, con Robert De Niro e Robin Williams. Il suo libro 'Musicofilia' fu invece l'oggetto di un episodio della serie Nova della PBS. Sacks è stato più volte oggetto di aspre critiche da parte del mondo accademico, anche sulla sua opera 'Risvegli', che aprì un aspro dibattito perchè in precedenza i suoi scritti erano stati pressocchè ignorati dal mondo accademico.

Molti, tra cui il sottoscritto, ricordano con più affetto un altro libro del neurologo scrittore: 'L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello' edito da Adelphi nel 1986 (titolo originale 'The Man Who Mistook His Wife for a Hat', 1985), opera disarmante, interessante e per certi versi estremamente divertente nella quale l'autore racconta alcune sue esperienze cliniche di neurologo descrivendo con semplicità ed efficacia alcuni casi di pazienti con lesioni encefaliche di vario tipo, che hanno prodotto i comportamenti più dolorosi e imprevedibili. Lo stesso Sacks, nel corso della sua vita, ha sofferto di prosopagnosia, una malattia neurologica che causa difficoltà nel riconoscere i volti delle persone.

Il suo ultimo libro, appena terminato, uscirà in Italia quest'autunno e si titolerà 'In movimento', Collana Biblioteca, Adelphi.

  • shares
  • Mail