“Eluana: 6233 giorni”, graphic novel sul caso Englaro

Il fumetto, edito da 001, sarà in libreria da settembre

eluana-englaro.jpg

In Italia lo conoscono tutti come "il caso Englaro", ma è prima di tutto la storia di Eluana, giovane donna di Lecco che in seguito ad un incidente stradale ha vissuto in  stato vegetativo per 17 anni, fino alla morte naturale sopraggiunta nel 2009 a seguito dell'interruzione della nutrizione artificiale.

Interruzione rischiesta e voluta dal padre di lei, Beppino Englaro, che affianco ad Eluana è rimasto costantemente per tutti quegli anni a difenderla da un'opinione pubblica troppo invadente e lottando affinchè a sua figlia venisse riconosciuto il suo ultimo diritto, quello di morire con dignità.

Il caso Englaro è quindi un altro caso italiano dal quale si parte per parlare di temi più generici, come quello del testamento biologico. A ricostruire la storia di questa studentessa ci sono libri, film, addirittura canzoni e adesso un graphic novel:“Eluana: 6233 giorni", di  Claudio Falco, Marco Ferrandino e Martina Sorrentino (001 Edizioni).

Il fumetto, nelle librerie da settembre, racconta i 6233 giorni di sofferenze di una famiglia sottoposta ad attacchi continui per le loro scelte intraprese. Un fumetto, quindi un linguaggio semplice e universale, per parlare di bioetica, di testamento biologico e per fare un punto, grazie all'apporto  dell’avvocato Francesca Girardi della Consulta di Bioetica, della situazione in Italia e in Europa.
Eluana: 6233 giorni sarà presentato in anteprima lunedì 10 agosto alle 18, al Castello Normanno di Ariano Irpino.

eluana_cover-620x350.jpg

  • shares
  • Mail