BiblioPride 2015: Daniel Pennac parla della bellezza delle biblioteche

Daniel Pennac: nelle biblioteche il libro diventa casa comune. L'intervento dello scrittore francese per il Bibliopride 2015

Oggi si celebra in Italia il Bibliopride o Giornata nazionale delle biblioteche. La giornata è stata celebrata in tutta Italia ma con un particolare focus a Milano, vista la presenza di Expo 2015. Testimonial di questa Giornata nazionale delle biblioteche è stato il romanziere francese Daniel Pennac che per l’occasione ha voluto mandare un messaggio.

Pennac si è soffermato sul significato delle biblioteche e sulla loro bellezza intrinseca, bellezza che va al di là dell’aspetto architettonico e artistico:

Una biblioteca è un libro trasformato in luogo d’incontro, è l’insieme dei libri trasformati in un luogo di incontro, aperto a tutti, gratuito. In questo senso la biblioteca è un monumento della letteratura molto più importante, o tanto importante e bello, quanto le cattedrali e i musei.

Ricordiamo che anche la scrittrice italiana Giusi Marchetta ha messo in evidenza l’aspetto gratuito e di completa apertura delle biblioteche, sempre in occasione dell'odierno BiblioPride, affermando:

Quando dico ai miei alunni che esiste un posto dove si possono andare a prendere i libri, che si può stare quanto tempo si vuole, che sono gratuiti e si possono portare a casa, troppi di loro ci mettono tanto a capire che sto parlando della biblioteca.

Daniel Pennac

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail