I pesci non hanno gambe, di Jón Kalman Stefánsson

Jón Kalman Stefánsson: la letteratura ci sveglia dal sonno. Lo scrittore islandese presenta "I pesci non hanno gambe"



Una storia di pescatori che vogliono navigare fino alla luna e di astronauti americani che si addestrano all’allunaggio nei campi di lava, di giovani sognatori che scoprono i Beatles e i Pink Floyd e di monelli che assaltano i camion USA per fare scorta di M&M’s.

I pesci non hanno gambe, di Jón Kalman Stefánsson

I pesci non hanno gambe è un romanzo corale dello scrittore svedese Jón Kalman Stefánsson in cui tanta voce hanno le donne e la stessa natura parla per raccontare l’anima di un paese, e quel potere delle parole di dare corpo ai desideri e decidere destini, di farci affrontare le acque più insidiose, anche se non sappiamo nuotare, anche se i pesci non hanno gambe.

In occasione della presentazione a Milano del suo libro – all’interno del festival nordico I Boreali – Jón Kalman Stefánsson ha detto: “Mi sembra che nei tempi moderni, noi a volte perdiamo noi stessi. Corriamo dietro a nostri sogni o a ciò che vogliamo diventare... ma troppo spesso la gente non pensa a quello che diventeremo. La vita è come un fiume che ti porta a valle, e improvvisamente cominci a chiederti “dove sono?” Questa è una delle cose a cui penso quando scrivo”.

Interessante, poi, un'altra affermazione dello scrittore islandese a proposito della lettura e della felicità. Sostiene Jón Kalman Stefánsson:

Dipende tutto da te noi puoi aspettarti che la felicità arrivi per posta o attraverso lo schermo della tv o i libri, ma la letteratura e tutta l'arte ti possono aiutare, possono svegliarti dal sonno e ricordarti che la vita non è così lunga e che bisogna viverla, se ti addormenti tradisci te stesso

Il libro I pesci non hanno gambe di Jón Kalman Stefánsson è disponibile – in formato cartaceo ed eBook – nel catalogo Iperborea, con traduzione di Silvia Cosimini.

  • shares
  • Mail