"La Guerra sporca" di Dominique Sylvain

La Guerra sporca di Dominique SylvainSe vi dicessimo che tutto parte da un omicidio efferato non vi stupireste troppo, e allora non ve lo diciamo, anche perché le cose sono molto più complesse di quanto potrebbe sembrare a prima vista. L'inizio della storia coincide con un funerale, e con una strana empatia che sembra legare il defunto ad uno dei suoi cari, ma cascarci significherebbe dimenticare tonnellate di topoi da giallo ormai ben assimilati. E poi anche questa voce parla dall'oltretomba, e il perché non possiamo svelarvelo, ma vi daremo un nome per scoprirlo: "La Guerra sporca".

Si tratta del noir di Dominique Sylvain, giornalista francese trapianta nel paese del Sol levante, eletto miglior poliziesco del 2011 dal magazine "Lire", è un vero e proprio polar vecchia maniera, nonché la quinta avventura della riuscita coppia Lola Jons-Ingrid Diesel. Pubblicato in italico idioma, dopo "I giardini dell'Orco" e "Delitto nel vicolo dei desideri", ancora per Mondadori, il noir è ben imbottito di espressioni mascoline ad alto tasso di testosterone, gustosi aneddoti vecchia maniera e paesaggi parigini a go-go.

Per non parlare degli intrecci con le ex-colonie francesi, del profumo esotico di una leggendaria tortura haitiana, di alcune incredibili bellezze d'ebano e dell'ombra oscura del traffico di armi. I componenti per comporre un affare ad alto tasso di interesse ci sono tutti, l'abilità narrativa anche, manca solo la voglia per fiondarcisi su. Noi ce l'abbiamo già messa e senza rimpianto alcuno!

Via | librimondadori.it

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: