#tuttiperhacca, l'hashtag per aiutare Hacca Edizioni

Se fosse un romanzo sarebbe un giallo. Invece è una squallida storia di un furto ad una casa editrice

CFDOReEWYAAhlBn.jpg large

 

Brutte storie al Salone del Libro di Torino. Se fosse un romanzo sarebbe un noir, ma siamo nel mondo reale e quindi è soltanto una squallida storia di un furto. Un furto grosso, di tutto l'incasso di Hacca Edizioni al Lingotto.

La giovane - ha soltanto 9 anni, nata nel 2006 - casa editrice di narrativa italiana e internazionale, ha infatti fatto sapere, tramite social network, di aver subìto un furto della cassa lì nel loro stand espositivo, il D38. Un gesto ignobile oltre che grave per gli espositori, che non si aspettavano un furto in un contesto del genere. E invece...

Così è partito l'hashtag solidale #tuttiperhacca, sui social network, per invitare tutti a comprare un libro da loro. Un gesto di solidarietà subito diventato virale alla quale stanno reagendo positivamente in molti, andando ad acquistare un libro da loro, oppure consigliando agli altri un volume Hacca da acquistare e postando foto e commenti su Twitter.


Altri invece sostengono la casa editrice ordinando per la loro libreria volumi di Hacca edizioni, come la libreria Modusvivendi di Palermo:


Insomma, un gesto davvero nobile anche da parte delle altre case editrici che in questo momento di difficoltà stanno mettendo da parte la concorrenza per darsi una mano in un settore, quello dell'editoria, che già non se la vede bene.



 

  • shares
  • Mail