Codex Seraphinianus, il libro più strano del mondo

Circa 400 pagine di disegni realizzati da Luigi Serafini

A sfogliare per la prima volta il Codex Seraphinianus vengono in mente due domande: a quale epoca appartenga e che significato abbiano tutti quegli strani disegni.

Se alla prima domanda possiamo rispondere tranquillamente - è stato pubblicato per la prima volta nel 1981 - alla seconda non possiamo farlo con tanta facilità, visto che questo volume scritto e illustrato da Luigi Serafini viene considerato come il libro più strano al mondo.

codex_seraphinianus_15

Un'enciclopedia illustrata, che illustra però un mondo completamente assurdo: coccodrilli che mutano in umani mentre si accoppiano, animali ibridi mai esistiti, un pesce a forma di occhio e molto, ma veramente molto altro. Migliaia di disegni in circa 400 pagine (365 per l'esattezza), descritti minuziosamente - ma nel pieno del nonsense - dallo stesso Serafini. Piante, fiori, animali, il Codex Seraphinianus è un oggetto di culto più che un libro in sè.

codex seraphinianus4

Un'opera da collezione che nel 2013 è tornata in liberia - dopo la prima edizione di lusso di Franco Maria Ricci - pubblicata da Rizzoli. Una ristampa precedente venne fatta nel 1993.
Il Codex Seraphinianus è l'opera della mente di Luigi Serafini,  artista, architetto e designer, scritto in un linguaggio indecifrabile e diviso in 11 capitoli e due sezioni. Un volume che lo stesso Serafini non ha mai spiegato, convinto che l'umanità non sia ancora pronta a capire.

codex_seraphinianus8

Classe 1949, Serafini è un'artista completo e per la sua genialità è entrato in contatto con grandi protagonisti della cultura nazionale ed internazionale. Come Roland Barthes, al quale venne chiesta l'introduzione del Codex, poi scritta da Italo Calvino. Anche Fellini era ammiratore del misterioso testo e del suo autore a cui offrì di disegnare una brochure per pubblicizzare il suo ultimo film La voce della luna.

codex30i

  • shares
  • Mail