Isbn Edizioni, le polemiche su Twitter sui mancati pagamenti

Guerra a colpi di tweet tra Hari Kunzru e Isbn Edizioni

Isbn Edizioni

Isbn Edizioni, la casa editrice fondata da Massimo Coppola, è sotto attacco, anzi è sotto tweet. Tweet polemici, che parlano di autori che aspettano pagamenti, di probabili fallimenti della casa editrice e cose varie.

A riportare il fatto è la rivista Wired, che ha ricostruito l'intera vicenda, cinguettio dopo cinguettio. Inizia tutto l’8 maggio scorso Hari Kunzru, scrittore britannico, posta sul profilo Twitter della casa editrice un tweet dove denuncia l'insolvenza di Isbn nei confronti di un altro autore, pubblicato da loro nel 2014 e di altri traduttori non ancora pagati.


Lo stesso messaggio viene ripetuto nei giorni successivi, rivolto personalmente anche a Massimo Coppola, al quale lo scrittore chiede esplicitamente perchè non paga.

Kunzu diventa un'apripista nei confronti di tanti altri autori, traduttori e traduttrici che iniziano a postare anche loro messaggi sulla bacheca della casa editrice, creando addirittura un hashtag #OccupayIsbn. Tutti, scrive la rivista, sono stati contattati e si è scoperto che hanno aperto contenziosi legali con la casa editrice. Tutti riferiscono inoltre che ve ne sono tanti altri in sospeso, che però non son passati per le vie legali perchè non possono permetterselo economicamente.

Al momento Massimo Coppola non ha mai risposto ufficialmente a nessun messaggio, come non ci sono notizie ufficiali sul fallimento della casa editrice Isbn, anche se non pubblica dal 2014 e non è presente nemmno nell’elenco degli espositori del Salone del Libro 2015.

  • shares
  • Mail