Salone del Libro di Torino: gli appuntamenti di Book to the Future del 15 maggio 2015

Social Network ed editoria a confronto a Book to the future nella giornata del 15 maggio 2015

Gli hasthag al Salone del libro: come cambia la cultura

Venerdì 15 in Sala Book to the future al Salone Internazionale del Libro di Torino si affronta il tema dei social network e il loro rapporto con l’editoria nelle sue innumerevoli sfaccettature.

Si inizia alle 11 con l’incontro Di cosa parliamo quando parliamo di libri nei social. L’editoria italiana tra strategie e posizionamento di marca durante il quale i Social media manager di importanti case editrici come EDT, Laterza, Feltrinelli Zoom, Voland, RCS Libri e Treccani si confrontano sulla promozione e sul posizionamento del marchio editoriale.

Alle 12 focus sulle strategie social per le start up editoriali in collaborazione con il Master in Professione editoria cartacea e digitale dell’Università Cattolica di Milano. Come nasce una start up nel settore editoriale? Come innovare in un mercato in continua evoluzione? Quali risposte può dare alle concrete esigenze di editori, librai, autori, lettori, professionisti della comunicazione? Quali strategie social adotta? Ne discutono Michela Gualtieri, CEO Tribook, rete di ecommerce sostenibile tra librai indipendenti, Marisandra Lizzi, founder iPress News Social Platform, piattaforma social per il mondo della comunicazione e dell'informazione, e Daniela Calisi, technological evangelist di PubCoder, il programma per creare agevolmente ebook interattivi e multilingue.

Alle 13 Nuove proposte di promozione e distribuzione editoriale per piccoli e medi editori una vera e propria “tavola rotonda” dove a portare la loro esperienza saranno Maurizio Zicoschi, programmatore, libraio e fondatore di Satellitelibri.it, Angelo Amoroso, Responsabile tecnico e commerciale di directBOOK, Fabio Mendolicchio, consulente e editore Miraggi Edizioni e Francesco Rigoli, Stealth Product Manager Simplicissimus Book Farm SRL simplicissimus.it.

Alle 19 si analizza la pratica dell’utilizzo di hashtag come strumento di engangement al fine di scardinare modelli culturali negativi nell’incontro Come cambiare la cultura con un hashtag: I casi #unlibroèunlibro, #dilloinitaliano e #ioleggoperché.

Alle 20 l’appuntamento è con #followthebook: progetti per la condivisione della lettura e di contenuti letterari sui social e su piattaforme innovative in cui il motore di ricerca emozionale di libri PerfectBook, il progetto noprofit di condivisione della lettura via Twitter @StoLeggendo e la piattaforma per la geo-localizzazione dei luoghi raccontati nei libri Cityteller si raccontano e spiegano come aggregano lettori e condividono contenuti.

Foto | Ufficio Stampa

  • shares
  • Mail