èStoria, Zygmunt Bauman al festival di Gorizia

Il Festival si terrà a Gorizia dal 22 al 24 maggio 2015

Torna a Gorizia èStoria, festival della storia e sulla storia che si terrà dal 22 al 24 maggio.
Un'undicesima edizione che inizia con un nome importante: ad inaugurare la rassegna, infatti, dedicata al tema "Giovani" si aprirà al Teatro Verdi con la lectio magistralis di Zygmut Bauman, teorico dei concetti di modernità solida e liquida.

Come si legge sul sito, nella pagina di presentazione, l'obiettivo di èStoria è quello di "spaziare nel tempo, dall’evo antico a quello moderno, su temi di grande rilevanza con un approccio multidisciplinare".
Il Festival si compone di un numero sempre crescente di appuntamenti per mettere a confronto le voci più autorevoli che animano la ricerca e il dibattito storico-culturale internazionale. Dibattiti, presentazioni di libri, spettacoli d'ogni genere, mostre e proiezioni sono gli eventi che ogni anno animano il Festival, nella cornice dei Giardini Pubblici nel centro di Gorizia e in altre location della città.

Sociologo e filosofo, Zygmut Bauman ha trascorso la sua carriera studiando e ricercando sui temi della stratificazione sociale, della modernità e della post-modernità, classificandoli rispettivaente come lo stato solido e liquido della società.
Famosi i suoi saggi, tra i quali "Modernità liquida", "Il buio del postmoderno", "Le sfide dell'etica", "Paura liquida", "La solitudine del cittadino globale" e molti altri.

Non solo Bauman: Nei giorni seguenti arriverà nel capoluogo isontino Roberto Saviano, che terrà un intervento dal titolo "Leggere per resistere al male". Tra gli altri ospiti Antonia Arslan, Francesco Tullio Altan, Paolo Crepet, Massimo Fini.

Tutte le informazioni e il calendario dell'evento sono disponibili sul sito.

CZECH-POLAND-FORUM-BAUMAN

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail