"La creazione" di Dino Buzzati, la versione per bambini

Un ufficio progettazione deve portare a compimento la commessa più abnorme mai ottenuta, quella della creazione dell'Universo

Avvicinare il genio di Dino Buzzati ai più piccoli. Questo fa "La creazione", racconto illustrato da  Gerda Märtens di una vecchia storia scritta dallo scrittore e giornalista veneto.

Edito da orecchio acerbo, La creazione è una storia visionaria sulla Genesi, quello che Buzzati considera l' "Ufficio progettazione e direzione dei lavori del più grande studio di architettura - La genesi - che mai sia esistito". Un ufficio che deve portare a compimento la commessa più abnorme mai ottenuta, quella della creazione dell'Universo.

Dino Buzzati, La creazione

I lavori stanno ormai volgendo al termine quando il più estroso dei giovani architetti, Odnom, si presenta all’Onnipotente direttore generale, con una nuova idea. In che consiste?

Galassie, nebulose, stelle, pianeti, tutto bello, senza dubbio molto bello, ma un po’ freddino. Perché non animarlo un po’, magari in un angoletto in disparte, con un po’ di vita?

L'Onnisciente lo accontenta, sapendo tuttavia dove il giovane architetto vuole andare a parare.

Subito una schiera infinita di giovani architetti - tutti Spiriti eletti - si mette all’opera, ciascuno su di un singolo progetto di essere vivente. Rarissimi i progetti che non diventano esecutivi. Uno solo, addirittura in fase preliminare, viene bocciato.

Onnipotente e Onnisciente, il direttore generale sa bene cosa accadrebbe in futuro se quello strano essere -per di più dotato di ragione, come spiegato dettagliatamente nel progetto- vedesse la luce. Non se ne parla proprio. Cestinato. I lavori sono finiti, è la vigilia dell’inaugurazione. Tutti sono felici e contenti. Tutti tranne lui che s’è visto cassare il progetto, triste e in disparte…

Con la postfazione del saggista e critico cinematografico Goffredo Fofi, La creazione è un modo tutto particolare, buzzatiano, di raccontare l'universo e la sua creazione dal punto di vista biblico. La solennità del "fatto" si trasforma in una novella dove angeli diventano progettisti, idraulici, architetti e carpentieri, tutti al cospetto del mastro progettatore, Dio. Un racconto metà biblico e metà scientifico, per accontentare tutti.

  • shares
  • Mail