"The Grand Budapest Hotel" un libro sul film candidato all'Oscar

Opera completa e minuziosa sull'ultimo film di Anderson

Il prossimo 22 febbraio il Dolby Theatre di Hollywood ospiterà l'ottantasettesima edizione degli Oscar. Tra i film in concorso - con ben 9 nomination -  c'è anche "The Grand Budapest Hotel", film diretto da Wes Anderson, ispirato ai racconti dello scrittore austriaco Stefan Zweig.

Anderson è uno di quei registi che si ama o si odia. Per tutti quelli che lo amano e che hanno adorato questa sua ultima favola, è uscito - solo in inglese -  The Wes Anderson Collection: The Grand Budapest Hotel, dedicato interamente al film, che entra a far parte della più ampia collana a lui dedicata.

'The Grand Budapest Hotel' Press Conference - 64th Berlinale International Film Festival

 

Un'opera completa, dettagliata e minuziosa - proprio come i film del regista americano - in cui vengono analizzati tutti, ma proprio tutti gli aspetti del film: dal set alla fotografia (con la maniacale attenzione simmetrica di Anderson), il cast, lo storyboard, i costumi e molto altro ancora.
Si racconta inoltre, step by step, la genesi del film, dal concept alla fase di realizzazione e post produzione, la scelta della colonna sonora (sempre molto particolare)  le curiosità e gli aneddoti, attraverso i racconti e le interviste di quelli che hanno partecipato al film: attori e regista, ma non solo. E'presente ad esempio una ricca intervista ala costumista Milena Canonero e al compositore Alexandre Desplat, che hanno accompagnato Anderson in molto suoi film.

Il libro prende per mano il lettore e lo accompagna dietro le quinte del film, alla scoperta di un affascinante mondo. Scritto dal giornalista e critico Matt Zoller Seitz, il libro include anche saggi di critici cinematografici, storici, critici musicali e un'introduzione della drammaturga Anne Washburn. Ad arricchire il tutto, foto, immagini ed illustrazioni.

Della stessa collana, sempre curata da Zoller Seitz, c'è l'intera retrospettiva su Wes Anderson. In inglese anch'essa, ma è di certo un'opera in cui rifugiarsi quando si vuole fantasticare un po'.

US-ENTERTAINMENT-FILM-OSCAR-NOMINATIONS

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail