Harper Lee: a luglio il nuovo romanzo, 50 anni dopo “Il buio oltre la siepe”

“Go Set a Watchman” è il titolo del secondo romanzo di Harper Lee che esce a luglio 2015, cinquant'anni dopo “Il buio oltre la siepe”

Harper Lee autrice de Il buio oltre la siepe pubblicherà il suo secondo libro dal titolo Go set a watchman. Questo secondo titolo uscirà negli USA il 14 luglio: tra il primo e il secondo libro di Harper Lee sono passati cinquant’anni. Con Il buio oltre la siepe l’autrice ha vinto il Premio Pulitzer.

Pur uscendo solo nel 2015, il secondo libro di Harper Lee è stato scritto negli anni Cinquanta del secolo scorso. È l’autrice stessa a spiegare cosa è successo in tutto questo tempo:

Nella metà degli anni Cinquanta terminai un romanzo intitolato “Go Set a Watchman”. Raccontava del personaggio di Scout [la bambina protagonista di Il buio oltre la siepe, ndr] da adulta: mi sembrava un buon tentativo. Il mio editore, impressionato dai ricordi dell’infanzia di Scout, mi convinse a scriverne un romanzo (che poi diventò Il buio oltre la siepe) raccontato dal punto di vista di Scout. Avevo appena iniziato a fare la scrittrice, così feci come mi aveva detto. Non mi ero resa conto che il romanzo originale era sopravvissuto e sono stata davvero sorpresa e felice quando la mia cara amica e avvocato Tonja Carter l’ha ritrovato. Dopo molti dubbi ed esitazioni, l’ho condiviso con un po’ di persone di cui mi fidavo e sono stata contenta di sapere che lo consideravano degno di essere pubblicato. Provo un sentimento di umiltà e meraviglia se penso che verrà pubblicato adesso, dopo tutti questi anni

E così ora avremo il sequel di quel libro celeberrimo da cui nel 1962 ne venne tratto l’omonimo film diretto da Robert Mulligan, con Gregory Peck – che vinse l’Oscar come Miglior attore per la sua interpretazione di Atticus Finch – e Mary Badham nel ruolo della figlia Scout.

Harper Lee si è sempre rifiutata di scrivere altri libri dopo Il buio oltre la siepe, come ebbe a dire a un amico in una rara intervista, per

Due ragioni: la prima, non mi sottoporrei alla pressione e alla pubblicità nella quale sono passata con Il buio oltre la siepe per nessuna ragione al mondo. Due, ho detto quello che volevo dire e non mi ripeterò una seconda volta.

Il buio oltre la siepe, di Harper Lee

Harper Lee, Il buio oltre la siepe

Il romanzo Il buio oltre la siepe racconta la storia di due ragazzi orfani di madre che vivono nel profondo sud degli Stati Uniti durante la Grande Depressione. Il padre è un avvocato antirazzista che, nel corso del libro, si trova a difendere un afroamericano ingiustamente accusato di stupro. Questo l’incipit del romanzo, nella traduzione di Amalia D'Agostino Schanzer per Feltrinelli (non sappiamo se sarà ancora Feltrinelli a pubblicare il nuovo libro di Harper Lee):

Jem, mio fratello, aveva quasi tredici anni all'epoca in cui si ruppe malamente il gomito sinistro. Quando guarì e gli passarono i timori di dover smettere di giocare a football, Jem non ci pensò quasi più. Il braccio sinistro gli era rimasto un po' più corto del destro; in piedi o camminando, il dorso della sinistra faceva un angolo retto con il corpo, e il pollice stava parallelo alla coscia, ma a Jem non importava un bel nulla: gli bastava poter continuare a giocare, poter passare o prendere il pallone al volo. Poi, quando di anni ne furono trascorsi tanto da poterli ormai ricordare e raccontare, ogni tanto si discuteva come erano andate le cose, quella volta. Secondo me tutto cominciò a causa degli Ewell, ma Jem, che ha quattro anni più di me, diceva che bisognava risalire molto più indietro, e precisamente all'estate in cui capitò da noi Dill e per primo ci diede l'idea di far uscire di casa Boo Radley.

Il titolo originale del romanzo di Harper Lee è To kill a mockingbird, Uccidere un usignolo ed è una metafora: così come è sbagliato uccidere un usignolo, nella metafora è sbagliato condannare Tom Robinson, l’uomo ingiustamente accusato di stupro.

Harper Lee

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail