Stefano Benni: la biografia e i suoi libri

Stefano Benni, senza ombra di dubbio, è uno degli autori italiani più amati, grazie anche alla sottile satira presente nei suoi libri

Stefano Benni è uno degli autori italiani più amati e ha uno stuolo di fan che, praticamente, lo seguono dappertutto; basti pensare che a lui e al suo mondo letterario è dedicata la Bennilogia, una sorta di enciclopedia online costruita dai suoi lettori e lettrici e a cui tutti possono partecipare. Scrivono i curatori di Bennilogia:

È un libero esercizio della fantasia, un modo di giocare insieme, per condividere sensazioni, emozioni, rabbie. Un modo per conoscerci attraverso il nostro autore preferito. Le voci inserite devono ricalcare – ovviamente in maniera scherzosa – le voci di un dizionario.

Stefano Benni: la biografia


Stefano Benni

Stefano Benni è uno scrittore e giornalista, nato a Bologna il 12 agosto 1947. Attualmente collabora con collabora con numerose testate, tra cui il giornale francese Libération e ha diretto per Feltrinelli la collana Ossigeno.

Nei suoi libri troviamo molta satira, che, come leggiamo sulla Treccani, dà a Stefano Benni: “una sensibilità particolare per la comprensione della realtà contemporanea, sulla quale ha costruito storie che si distinguono per capacità affabulatoria”.

Nel 2012 Benni ha debuttato nella regia teatrale con Le Beatrici, liberamente tratto dal suo testo e presentato al Festival di Spoleto, mentre l'anno successivo ha diretto e interpretato Il poeta e Mary, racconto per musica e parole sul valore sociale dell'arte. Stefano Benni ha anche curato la regia e la sceneggiatura del film Musica per vecchi animali (1989), e ha allestito, tra gli altri, col musicista Paolo Damiani uno spettacolo di poesia e jazz, Sconcerto (1998). Tra le sue mille attività, Benni ha ideato la Pluriversità dell'Immaginazione.

Stefano Benni: i libri


Stefano Benni

I libri di Stefano Benni sono molti e quasi tutti hanno avuto un grande successo. Benni è un autore poliedrico e tra i suoi scritti troviamo romanzi, racconti, poesie come anche drammaturgie, articoli di vario genere e ancora scritti di diversa natura e disegni.

Tra le sue opere più famose segnaliamo La compagnia dei celestini (1992 - “Le idee sono come le tette; se non sono abbastanza grandi si possono sempre gonfiare”), Achille piè veloce (2003 - La grande storia "omerica" di Achille, di Ulisse e di Pilar-Penelope), Margherita Dolcevita (2005 - La favolosa storia di una ragazzina alle prese con l'oscuro potere del benessere), Pane e tempesta (2009 - Quali sono le ventisette azioni dell’uomo civile? Lo si scopre a Montelfo, il paese più magico e fantastico del mondo).

Foto | Ufficio stampa Feltrinelli

  • shares
  • Mail