"Biglietto, signorina": il nuovo libro di Andrea Vitali

Una misteriosa e affascinante "straniera" arriva alla stazione di Varenna, a poca distanza da Bellano, priva di biglietto e con un passato misterioso alle spalle. Ma non per tutti è una sconosciuta... In libreria “Biglietto, signorina”, di Andrea Vitali.

Per tutti i lettori per i quali Andrea Vitali è una garanzia di una lettura piacevole, l'eterna riconferma di un libro grazie al quale “staccare” il cervello da tutto il resto (lettori tipo me) è un'ottima notizia la recente pubblicazione della sua ultima fatica, Biglietto, signorina edito come sempre da Garzanti.

Già dal titolo, a noi che siamo quel-tipo-di-lettori-lì, sappiamo che ci piacerà: quel titolo appunto che come sempre ripropone frasi che sanno di tempi andati, e che ci introduce questa volta nella storia di Bellano ai tempi della ricostruzione.

Siamo infatti nel 1949, il paese è in pieno fermento per le elezioni alle porte in un momento in cui la Dc ancora stravince ottenendo tutti i posti che vuole con le opportune manovre a livello di politica e di società civile.

Nel bel mezzo di questo clima pre-elezioni, arriva una novità a disturbare la routine del paese: una straniera molto bella, scesa – e da qui il titolo – alla stazione perchè pizzicata dal controllore del treno in cui viaggiava senza biglietto.

VITALI (1)

Un passato misterioso alle spalle, la donna sembra trovare positiva l'idea di ricostruirsi una vita a Bellano. Ma per farlo, avrà bisogno di rispolverare alcune vecchie conoscenze. Insospettabili che, proprio non potranno tirarsi indietro, nel momento in cui lei chiederà loro di aiutarla a inserirsi nella vita del loro paesetto. Il che arriverà a compromettere anche la candidatura dell'aspirante sindaco...

Una chicca: Biglietto, signorina è una storia che già era apparsa in una prima versione nel 2001 con il titolo L'aria del lago nell'omonima raccolta. In questo romanzo però è stata interamente reinventata in una nuova versione della storia tutta da riscoprire.

Andrea Vitali
Biglietto, signorina
16.40 euro
Garzanti

  • shares
  • Mail