Viva Voce 2007

Sono i "Racconti dai tempi della fine" le tracce da seguire nella 15/a edizione di "Viva Voce", la rassegna di pubbliche letture, promossa da Emilia Romagna teatro Fondazione e Fondazione Collegio San Carlo, che prenderà il via lunedì 26 febbraio a Modena, per proseguire fino alla primavera inoltrata.
La "fine" a cui accenna il titolo non è soltanto la fine del mondo: quindi non si deve pensare a letture apocalittiche o visioni ultraterrene. La fine sta anche a indicare il passaggio da un'epoca all'altra, la conclusione di una guerra, l'esito di una corrente artistica.
Quasi tutte le letture affronteranno autori contemporanei, affidati alla voce di attori, scrittori e altri protagonisti della cultura e dello spettacolo."Viva Voce 2007" si aprirà il 26 febbraio al teatro San Carlo di Modena con il romanziere e drammaturgo Tiziano Scarpa che leggerà brani da Isaac Singer, poi il 12 marzo alla chiesa auditorium San Carlo, Stefano Benni si muoverà fra Achille Campanile, Tommaso Landolfi, Giorgio Manganelli e Istvan Orkeny. Il 26 marzo, di nuovo al teatro S. Carlo, l'attore e regista Elio De Capitani affronterà Thomas Mann, e il 2 aprile Claudia Castellucci leggerà da Robert Walser. Il 16 aprile, ancora alla chiesa S. Carlo, toccherà a Moni Ovadia, con letture da testi di Primo Levi, e per la conclusione della rassegna, il 23 aprile, Danio Manfredini offrirà letture da Jean Genet.
Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito.

  • shares
  • Mail