"Paura", autobiografia di Dario Argento

Autobiografia d'horror del maestro del brivido

Non poteva scegliere titolo che meglio rappresentasse la sua vita e la sua carriera. "Paura", il nuovo libro autobiografico del regista del terrore Dario Argento.

Edito da Einaudi, Paura è il racconto in prima persona del maestro del brivido che decide di mettersi a nudo e di andare a scandagliare in profondità tra i suoi ricordi più reconditi. L'infanzia, la sua fuga adolescenziale a Parigi, "adottato" da due prostitute, la sua famiglia, i suoi amori quasi sempre andati a male e le sue passioni, il cinema in primis vengono passati al setaccio in oltre 300 pagine di racconti, confessioni, ricordi e aneddoti, alcuni anche molto intimi.

Come quando, in un periodo buio della sua vita, con un divorzio alle spalle e un film che non riusciva a terminare si è trovato "sull'orlo del suicidio". Salvato solo da un armadio posizionato davanti la finestra, sotto consiglio/obbligo del medico che lo seguiva.

ITALY-CINEMA-DRACULA 3D-PHOTOCALL

Un viaggio tra luci e ombre, tra incubi e realtà, tra passato e presente con uno sguardo al futuro, il tutto con stile narrativo asciutto e lineare, per un insolito Dario Argento scrittore. Insolito non per lui, che per anni ha svolto anche la professione di giornalista, altro periodo della sua vita che ricorda e svela.

Nel libro si scopre anche che il maestro del brivido, regista di film come L'uccello dalle piume di cristallo, Phenomena, Profondo Rosso e molti altri ha anche lui le sue paure, come quelle che suscita al pubblico durante la visione dei suoi film.

Una delle sue prime paure? Un corridoio:

"Avevo paura solo di un corridoio, non avevo paura del buio ma del corridoio. La mia camera da letto era l’ultima giù in fondo, quindi non avevo scampo: dovevo attraversarlo interamente"

Un'"autobiografia horror", dove s'intravedono le inquietudini di un uomo schivo, innamorato del cinema e della vita. Un artista irregolare, che imprigionando i suoi personali demoni nella macchina da presa è riuscito a raccontare gli incubi di tutti noi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail