"Piccoli brividi", la collana horror per ragazzi

La collana dedita da Mondadori, dedicata ai giovani lettori amanti dell'horror

L'horror è un genere letterario che affascina praticamente tutti, senza distinzione di età e sesso. Per renderlo adatto anche ad un pubblico giovane,l'idea migliore è "Piccoli brividi", collana di libri per ragazzi con storie e racconti dell'orrore.

La serie di libri nasce nel 1992 negli Stati Uniti, scritti dall'autore Robert Lawrence Stine (conosciuto come R. L. Stine) e pubblicati dalla Scholastic. Il titolo originale della collana è Goosebumps (letteralmente "Pelle d'oca") e in Italia arriva nel 1995 per la Mondadori.

In cosa consistono questi piccoli brividi? In racconti, romanzi brevi ad ambientazione horror, senza dimenticare però il pubblico di lettori con cui si sta interagendo.
Il primo volume, "La casa della morte" ebbe un enorme successo che portò alla pubblicazione di altri 87 volumi, più i numeri speciali, chiamati "Super brividi".

Il successo dei Piccoli brividi è dato dalle vendite: oltre 500 milioni di copie vendute in tutto il mondo, 32 lingue in cui sono stati tradotti, per una collana da Guinnes Book of World Records, che ha classificato i Piccoli Brividi come la serie di libri per bambini più venduta della storia.

La struttura dei racconti è quella del romanzo classico: storie brevi - massimo 150 pagine per libro - trama intrecciata ma di facile comprensione, colpi di scena e suspance per attirare il piccolo lettore e toni forti,ma non troppo, per dare alla storia il sapore dell'horror. Protagonisti sono sempre teenager curiosi che si trovano ad affrontare situazioni agghiaccianti.

Dalla collana è stata ricavata una serie tv per ragazzi, oltre a delle vere e proprie miniserie letterarie - scritte dallo stesso Stine - con i personaggi dei suoi racconti; una specie di spin off, come il "Pupazzo parlante", ciclo di quattro storie incentrate sulle avventure del diabolico fantoccio Slappy, oppure il "Barattolo mostruoso", che descrive le vicissitudini di un gruppo di ragazzi che combattono contro una diabolica sostanza chiamata "sangue di mostro".

Negli Usa esiste un'altra serie, chiamata "Give Yourself Goosebumps" che in Italia non è ancora arrivata: si tratta di 50 libri all'interno dei quali il protagonista è il lettore stesso. Attraverso una lettura creativa e interattiva, si chiede al giovane lettore di scegliere un percorso narrativo piuttosto che un altro, rendendolo così il protagonista e l'artefice delle orribili avventure in cui si  imbatterà, con più di venti finali a disposizione, molti dei quali drammatici.

goosebumps_41895

  • shares
  • Mail