Premio Campiello 2014 a Giorgio Fontana con il romanzo “Morte di un uomo felice”

La Giuria dei Trecento Lettori anonimi ha premiato il romanzo di Giorgio Fontana, in libreria per Sellerio


Giorgio Fontana

si è aggiudicato il Premio Campiello 2014 con il romanzo Morte di un uomo felice, pubblicato da Sellerio. Dato per favorito fin da subito, Giorgio Fontana ha sbaragliato Michele Mari e Mauro Corona che pur avevano molti consensi.

Giorgio Fontana, ha dedicato il premio agli amici che l’anno seguito alla Fenice, e ha dichiarato:

Grazie ai lettori e grazie al mio editore, un premio che mi spinge a lavorare di più e meglio. Fa parte della mia etica di scrittore. Quando si finisce un libro bisogna chiudere la porta dietro di sé, ma quando si riapre occorre qualcuno che ti aspetti.

Giorgio Fontana - Copyright Argiro?&Demontis

La sinossi ufficiale del romanzo Morte di un uomo felice di Giorgio Fontana è la seguente:

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell'assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l'inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall'inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un'azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non potè mai perdonare per la sua ribellione all'ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell'unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L'inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all'uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l'origine delle ferite che stanno attraversando il Paese...

Nel corso della serata è stato consegnato anche il Premio Fondazione Il Campiello, assegnato quest’anno a Claudio Magris. Inoltre è stato premiato il vincitore del Premio Campiello Opera Prima Stefano Valenti con il romanzo La fabbrica del panico (Feltrinelli), il vincitore del Campiello Giovani Maria Chiara Boldrini, 17 anni di Bientina (Pisa), con il racconto Odore di Sogni e il riconoscimento esterno ad Ambra Giacometti, 19 anni di Locarno, con il racconto Anemia – Storia di una mancanza.

Il Premio Campiello Giovani


Premio Campiello Giovani 2014 a Maria Chiara Boldrini

Aggiornamento ore 13.30

Giunge la notizia che Maria Chiara Boldrini è la vincitrice della 19^ edizione del Campiello Giovani, il concorso rivolto ai ragazzi tra i 15 e i 22 anni promosso dalla Fondazione Il Campiello. La diciassettenne vincitrice è di Bientina (Pisa) ed è stata premiata per il racconto Odore di Sogni, dedicato al viaggio di una bambina algerina in Italia. L’annuncio è avvenuto stamattina, sabato 13 settembre, durante la conferenza stampa conclusiva della 52^ edizione del Premio Campiello al Museo Correr di Venezia, alla presenza degli autori finalisti e dei conduttori della serata finale Neri Marcorè e Geppi Cucciari. Questa la motivazione con cui la Giuria dei Letterati, presieduta da Monica Guerritore, ha assegnato il riconoscimento al racconto di Maria Chiara Boldirni:

Salima è una saharavi, cioè originaria di una nazione del Sahara Occidentale desiderosa di democrazia. Con una scrittura piana che manifesta una discreta capacità anche nel rappresentare diversi punti di vista, rievoca le stagioni in cui, bambina, ebbe modo di approfittare dei “viaggi d’accoglienza” che la condussero in Europa e in Italia. Stagioni ormai alle spalle, ma l’adulta Salima non disconosce la fortuna di aver potuto ampliare i suoi orizzonti culturali e ripercorre i dati essenziali di questa vicenda. Il racconto ha un passo abbastanza sicuro; il messaggio, positivo anche se talvolta al limite della retorica, è l’auspicio di una collaborazione tra popoli, a cominciare da quelli dell’Africa.

Premio Campiello 2014: tutto pronto per la finale

ore 8,00

Oggi è il gran giorno del Premio Campiello, giunto alla sua cinquantaduesima edizione: in serata, infatti, verrà proclamato il vincitore di quest’anno, scelto dalla Giuria dei Trecento Lettori anonimi. Ricordiamo i titoli dei libri in concorso:


  • Mauro Corona, La voce degli uomini freddi (Mondadori)

  • Giorgio Falco, La gemella H (Einaudi)

  • Giorgio Fontana, Morte di un uomo felice (Sellerio)

  • Fausta Garavini, Le vite di Monsù Desiderio (Bompiani)

  • Michele Mari, Roderick Duddle (Einaudi)

Pur essendo il momento clou della giornata, l’assegnazione del Premio non è l’unico evento in programma oggi. Alle 11.00 al Museo Correr di Venezia è in programma la conferenza stampa finale del Premio, condotta dalla giornalista di Mediaset Alessandra Viero, co-conduttrice del programma di approfondimento Quarto Grado. Durante l’incontro verrà annunciato il vincitore del Campiello Giovani 2014 e presentato il Premio Fondazione Il Campiello, assegnato quest’anno a Claudio Magris.

Un momento “mondano” c’è stato ieri sera, al Casinò Municipale di Venezia, con una serata di gala esclusiva, durante la quale si è avuta la consegna ai cinque finalisti del Premio Selezione Giuria dei Letterati. La Giuria, per questa edizione presieduta dall’attrice Monica Guerritore, ha selezionato la cinquina finalista lo scorso 30 maggio a Padova.

Il Premio Campiello, istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, è promosso e gestito dalla Fondazione Il Campiello, composta dalle sette Associazioni Industriali del Veneto e dalla loro Confindustria regionale. E’ la più importante iniziativa in campo culturale promossa da Confindustria Veneto ed uno dei pochi casi di successo in Italia di connessione concreta e strategica tra mondo dell’impresa e della cultura. Nel corso degli anni il Premio ha raggiunto il vertice delle competizioni letterarie italiane.

Per la foto di Giorgio Fontana | Copyright Argiro?&Demontis
Per la gallery | courtesy ufficio stampa

  • shares
  • Mail