Il mito hollywoodiano nei libri, al di là del grande schermo

Per Kevin Spacey, Hollywood è “un ambiente che non perdona, che consuma”: come viene presentato nei libri il mito hollywoodiano?

A Hollywood puoi venire da qualsiasi posto, non hai bisogno di un diploma. Nessun diploma mi ha fatto avere un ingaggio come attore o uno come regista. A loro non interessa chi sei e da dove vieni: devi riuscire ad avere il primo lavoro, è dura ma allora sei sulla buona strada. Il resto sta a te, qualunque cosa hai da offrire.

Così, con estrema sintesi, Quentin Tarantino sintetizza il mito di Hollywood, mito che è un po’ la concretizzazione di quel sogno americano tanto decantato e inseguito. Se la magia di Hollywood si rende evidente sul grande schermo, anche tra le pagine dei libri possiamo ritrovarla, con sfumature senza dubbio diverse ma non per questo meno affascinanti.

Visto che abbiamo parlato di sogno americano e di Hollywood il primo riferimento bibliografico è senza dubbio a Hollywood, Hollywood di Charles Bukoskwi: “Che cosa succede al più famoso dissacratore del “sogno americano” quando un regista gli anticipa una bella somma per scrivere una sceneggiatura?” Chinaski/Bukowski si adatterà e integrerà nella grande macchina del mito hollywoodiano? A proposito di Hollywood e Bukowski, il video in apertura di post è un tour dello stesso Buk per le strade di Hollywood in cui ci mostra i suoi bar e luoghi di ritrovo preferiti.

Il mito hollywoodiano nei libri, al di là del grande schermo

Imperdibile è I sette peccati di Hollywood di Oriana Fallaci, suo primo libro, in cui racconta i retroscena della vita mondana di Hollywood. La prefazione del libro è scritta da Orson Welles.

Un saggio di approfondimento è La nuova Hollywood. Dalla rinascita degli anni Sessanta all'era del blockbuster di Geoff King, in libreria per Einaudi, in cui viene esaminata la recente produzione hollywoodiana a partire da tre prospettive principali: lo stile dei film, l'industria e il contesto storico-sociale.

Tra tutte le dive che hanno contribuito al mito hollywoodiano senza dubbio una delle più ricordate è Marilyn Monroe, a cui sono dedicati veramente tantissimi libri (come anche, per esempio, una poesia di Pasolini) che non è possibile segnalare qui: ma basta andare in una qualunque libreria per trovarne. Ed è proprio con una citazione di Marilyn Monroe che chiudiamo questo post sul mito hollywoodiano:

Hollywood è un posto dove ti pagano mille dollari per un bacio e cinquanta centesimi per la tua anima.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail