Quando New York vive nei libri

Più utili di una guida turistica, i romanzi attraverso i quali conoscere la Grande Mela.

New York è una città affascinante, da visitare almeno una volta nella vita. Perché? Per scoprire che, nonostante si trovi a chilometri e chilometri lontana da noi, in realtà é come se la conoscessimo già, come se ci avessimo vissuto in un'altra, remota vita.

Questa sensazione di deja vu che molti di quelli che vanno nella Grande Mela avvertono è frutto dei numerosi film, testi di canzoni e libri che hanno avuto New York City come protagonista del romanzo o come set dove si muovono i personaggi dei nostri libri.

New York, quindi, vive nei numerosi libri di scrittori - newyorkesi  ma non solo - che hanno deciso di ambientare le loro storie nei quartieri e nelle streets di questa città. Più proficui di una guida turistica, questi libri, se letti con attenzione, sono in grado di darci le informazioni necessarie per girarla come se la conoscessimo a menadito. Ecco qui una breve rassegna dei libri più interessanti su questo tema, ma non esitate a suggerircene altri!

Il grande Gatsby


Il grande Gatsby

, di Francis Scott Fitzgerald è considerato "il primo passo in avanti fatto dalla narrativa americana dopo Henry James". Ambientano tra NYC e Long Island nell'estate del 1922, nel pieno del Proibizionismo americano.

Cash: All'assalto di New York


Della collana Segretissimo, il romanzo del francese Gerard Cambri narra le avventure dell'agente segreto James Fitzgerald Cash  alle prese con la spietata Lobby dei 72 capitanata da Mordecai AAron Sachs che vuole mettere le mani sulla città.

Trilogia di New York


In Trilogia di New York, le tre detective-stories scritte da Paul Auster hanno come unica location New York, che si trasforma agli occhi dei suoi protagonisti in una sorta di non luogo pieno di insidie e complotti.

La Grande Mela


Pubblicato per la prima volta nel 1920, La Grande Mela è una raccolta di racconti di Ring Lardner, scrittore e cronista. Qui la città del proibizionismo, del Jazz e dello Swing viene fuori in tutta la sua prepotenza e accompagna le vicende di Finch e Ellie, e della sorella di lei Kate, giovane ventenne in cerca di marito proprio nella Grande Mela.

Colazione da Tiffany


Molti conosceranno il film diretto da Blake Edwards, con la splendida Audrey Hepburn e George Peppar. Il film è tratto però dal romanzo di Truman Capote, edito nel 1958, due anni prima dell'uscita dell'omonimo lungometraggio. Colazione da Tiffany racconta la vita di Holly Golightly, ragazza particolare, cinica ma dolce, narrata in terza persona dal suo amico e vicino di casa.

La mia battaglia da New York


Ultimo consiglio di lettura, questo libro scritto da Don Luigi Sturzo. Sacerdote, nel 1923 Sturzo si oppose al fascismo di Mussolini e quindi costretto a lasciare il suo incarico l'Italia, rifugiandosi dapprima a Londra, poi a Parigi e infine a New York. Un diario della sua esperienza di vita in una città completamente diversa e lontana dalla guerra, ma anche un diario, un'analisi politica comune a molti che, in quegli anni difficili, si opponevano al regime. 

capote

  • shares
  • Mail