Il fascino di Londra nelle pagine dei classici della letteratura

Grazie a opere immortali della letteratura, la città di Londra è divenuta familiare a molti, anche a coloro che non vi hanno mai messo piede.

Londra, ritenuta una delle città più belle del mondo, è resa ancora più speciale nei libri che ne parlano. Sono a bizzeffe i testi ambientati a Londra – per citare solo l’ultimo titolo che si preannuncia come il bestseller della chick lit di questa estate: Un amore a Notting Hill di Andrew Clover, in libreria per Piemme che si muove sullo sfondo di una Londra che ha tutto il sapore di un set cinematografico – e non c’è che l’imbarazzo della scelta. In questi casi noi consigliamo sempre di andare sul sicuro, con i classici.

Partiamo dunque con Virginia Woolf e la sua signora Dalloway che ci conduce tra i giardini di St James Park o attraverso Bond Street per comprare i fiori della festa in programma per la sera; e magari camminando potremmo imbatterci al civico 221b di Baker Street, in cui Arthur Conan Doyle ha ambientato le storie di Sherlock Homes. A proposito, una considerazione sul valore della letteratura: sapete che in moltissimi credono che Sherlock Holmes sia un personaggio storico vissuto veramente in quella casa in cui ora c’è il museo a lui dedicato? (Sempre per rimanere a Londra: nella stazione di King’s Cross hanno dovuto mettere l’indicazione del binario 9 ¾ di harrypotteriana memoria perché in molti chiedevano dove fosse…).

Il fascino di Londra nelle pagine dei classici della letteratura

E continuiamo il nostro viaggio tra le strade di Londra e nelle pagine dei libri con un mostro sacro della letteratura, vale a dire Charles Dickens. E le letture che vi proponiamo sono, ovviamente, Oliver Twist e David Copperfield che nelle vie di Londra vivono, si muovono e intessono le loro storie. Leggiamo nelle pagine di Oliver Twist:

Era ormai pieno giorno quanto lo consentivano le nubi e la mattinata lavorativa di una metà della popolazione di Londra aveva avuto inizio... Dopo aver voltato in Sun Street e in Crown Street e dopo aver attraversato Finsbury Square verso la Barbican... passò nella Long Lane e poi in piazza Smithfield: qui li accolse un tumulto di suoni discordanti che colmò di stupore Oliver Twist.

Alcune zone di Londra sembrano, poi, essere senza tempo, un po’ come l’ultimo libro che vi consigliamo: Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, con Dorian che vive in una Londra vittoriana da ammirare, resa ancora più bella dai quartieri malfamati in cui il nostro si recherà per vendere la propria anima.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail