I vermi conquistatori, di Brian Keene, per Urania (fanta)horror di luglio 2014

E con la sottocollana Horror si conclude la panoramica sulle uscite Urania di luglio 2014

Si conclude la carrellata delle proposte di Urania che, tra collana madre e sottocollane, a luglio 2014 ha portato in edicola ben quattro volumi (Redemption Ark, di Alastair Reynolds, per Urania Jumbo, Forbici vince carta vince pietra, di Ian McDonald, per Urania Collezione, l'antologia 12 inframondi, per la collana madre, e questo I vermi conquistatori, di Brian Keene, per la rinata sottocollana Urania Horror (che si appresta a pubblicare, nel prossimo biennio e con cadenza quadrimestrale, alcune chicche di sicuro interesse per gli estimatori del genere; chicche che noi seguiremo senz'altro quando all'horror si associerà il fantastico; trattandosi di Urania, posso supporre che succederà spesso. Alcuni titoli: Dagon, di Fred Chappell, a dicembre 2014, La città vampira, di Paul Féval, a marzo 2015, The Face that Must Die, di Ramsey Campbell, a luglio 2015, Videokill, di Joanne Fluke, a dicembre 2015, Horror Stories, di Robert E. Howard, in due volumi, a marzo e luglio 2016 *. Ci auguriamo, naturalmente, che Giuseppe Lippi, storico curatore di Urania, voglia prendere in considerazione anche una possibile sottocollana Fantasy...).

Brian Keene, padre di due figli nella rurale Pennsylvania, è uno tra i massimi esponenti della letteratura horror; è autore anche di gialli, non-fiction e fumetti, oltre che piccolo editore ed executive producer di uno studio cinematografico. Americano, classe 1967, lo scrittore ha all'attivo oltre quaranta libri (qui la lista completa stilata da Keene), molti dei quali tradotti all'estero. Suoi anche diversi premi, tra cui due Bram Stoker Award, il massimo riconoscimento annuale - istituito nel 1987 dalla Horror Writers Association - per la letteratura horror e dark fantasy. L'autore, proprio quest'anno, ha ricevuto anche il Grand Master Award in occasione della World Horror Convention tenutasi a Portland, Oregon - una delle città più infestate d'America, si dice - dall'8 all'11 maggio.

Tra i lavori di Brian Keene, che ha scritto anche tie-in per franchise come Doctor Who (The Dogs of War), Hellboy, Superman, Master of Universe, ricordiamo, oltre all'apprezzato I vermi conquistatori (2006), almeno lo zombie-novel The Rising (2003), vincitore del Bram Stoker Award per il miglior esordio e considerato uno dei lavori che, insieme al fumetto di Robert Kirkman The Walking Dead, poi divenuto serie tv, e il film di Danny Boyle 28 giorni dopo, ha stimolato nuovamente l'interesse attorno al tema degli zombie, passato un po' di moda, rispetto a qualche anno prima. Altri romanzi e racconti del prolifico autore, come Ghoul, The Ties That Bind e Fast Zombies Suck, hanno avuto adattamenti cinematografici, sono in lavorazione o sono stati opzionati per il futuro.

I vermi conquistatori (The Conqueror Worms), romanzo già uscito, in Italia, nel 2011 - l'unico, finora - per la piccola fu-casa editrice Edizioni XII (di cui ricordiamo le sofisticate copertine e che vogliamo omaggiare, in memoriam, riproponendo il suo booktrailer, in fondo), è un romanzo fanta-horror che si avvale di interessanti ambientazioni apocalittiche e post-apocalittiche e che, oltre al titolo che richiama Edgar Allan Poe (*), ha anche echi di H. P. Lovecraft (il primo titolo del libro era Earthworm Gods, tra l'altro). (Meno blasonatamente, I know, devo dire che il romanzo richiama alla mente, quantomeno alla mia, anche il sempre godibile film... Tremors, oltre che Dune, libro e film, che pure non ha assolutamente nulla a che fare con Keene. Ma tant'è...).

Vermi, quindi. Vermi giganteschi che dal sottosuolo salgono in superficie portando morte e distruzione e che insidiano anche i pochi sopravvissuti rimasti. Per avere una visione d'insieme più sfaccettata voglio riportare sia la sinossi ufficiale di Urania che, a seguire, quella di Edizioni XII.

i-vermi-conquistatori-keene-urania-horror-2014 Urania: Un mondo sommerso da piogge incessanti, dove la terraferma assume l’aspetto di isole nella corrente; una landa d’incubo già semidevastata dall’emersione di creature gigantesche che si sono risvegliate dopo un sonno di eoni nel cuore della terra… Ecco lo scenario in cui Teddy Garnett e il suo amico Carl si trovano a tentare di sopravvivere. Ciechi, colossali e affamati, i vermi conquistatori non hanno altro scopo che divorare gli uomini e distruggerne case e villaggi con spietata determinazione. Come conseguenza della loro uscita dalle voragini, terremoti e inondazioni hanno rinnovato la maledizione del Diluvio. Una tesa vicenda horror per un grande romanzo apocalittico.

Edzioni XII: Teddy Garnett è un arzillo vecchietto e non vuole saperne di lasciare la casa in cima agli Appalachi dove ha vissuto per anni con la compianta Rose. Non gli importa della pioggia incessante, un diluvio catastrofico che ha messo in ginocchio l'intero pianeta, né di essere l'unico essere umano ancora vivo nella piccola comunità di Punkin' Center, ormai ridotta a un isolotto in mezzo alle acque. Senza paura, Teddy aspetta il giorno in cui si avvererà il suo unico desiderio: riabbracciare la moglie. Ma quando riceve la visita di Carl, il suo migliore amico creduto morto o portato in salvo dalla Guardia Nazionale, scopre che ci sono cose peggiori della pioggia. Cose che serpeggiano sottoterra, creature striscianti che tarlano il sottosuolo e scavano verso la superficie per rivelarsi al mondo. E conquistarlo. Enjoy!

Brian Keene su Facebook e Twitter.

Brian Keene
I vermi conquistatori (The Conqueror Worms)
Urania Horror (Mondadori)
€ 5,90
Uscito la settimana scorsa

1° Video | Brian Keene legge il suo racconto Fast Zombies Suck e altri lavori

2° video | Booktrailer de I vermi conquistatori di Edizioni XII

  • shares
  • Mail