L'audio libro da cellulare

Dal Times di Londra arriva la notizia di una nuova tecnologia sviluppata dalla Nokia che consente di ascoltare gli audiolibri sui cellulari.

Non che sia una grossa novità, visto che di audio libri per iPod ed altri lettori ce ne sono a bizzeffe, ma la diffusione degli audi libri alla massa attraverso l'uso del cellulare è una nuova frontiera.

In fondo, la percentuale di gente che usa i lettori mp3 è minore rispetto quella che usa i cellulari, e la "convenienza" di poter ascoltare un libro attraverso un oggetto da cui non ci si separa mai invita di più alla pseudo lettura. La Nokia fa un ragionamento semplice: forniamo delle memory card che contengono i libri così la gente può ascoltarseli anche in auto, mentre va in ufficio e magari è in coda sulla strada.

Insomma, pur se l'idea non è per niente innovativa, quello che la Nokia sta per fare è sdoganare l'audio libro inserendolo come standard in un oggetto di massa: un apposito programma veloce ed intuitivo, una voce nel menù rapido, portali wap in cui acquistare i libri e memory card intercambiabili in vendita con uno o più titoli.

Sembra così banale, ma nessuno fin'ora ci aveva pensato. Per ascoltare un audio libro bisogna avere sempre un lettore a parte, o comprare quelle strane cassettine usa-e-getta. Bisogna anche convincere l'utente. Furbescamente la casa produttrice di cellulari più famosa rende un audio libro una cosa easy. Una cosa per tutti. Che c'è già nel cellulare, e che per questo va usata. In fondo, chi non ha mai giocato almeno una volta con quei giochini assurdi inclusi nei nostri cellulari? Chi non ha mai usato la fotocamera? Alla stessa maniera, con la stessa curiosità e facilità, useremo il lettore di audio libri.



Ma questo cosa vorrà dire? Cosa provocherà? Questo genere di massificazione salverà i libri? O alla fine chi scaricherà un testo sceglierà sempre il best-seller lasciando nel loro beato oblio i classici?


Quante tristi domande.

  • shares
  • Mail