Le api, di Claire Preston: un excursus storico, letterario e culturale

Un interessante excursus storico-culturale sul mondo delle api.

Le api. Storia, mito e realtà di Claire Preston, docente di letteratura inglese al Sidney Sussex College, Cambridge, non è un libro sull'apicoltura, ma un godibile e documentato excursus storico-letterario-culturale sulle api, sul fascino che hanno sempre esercitato sull'uomo e sul significato che questi insetti hanno presso le varie culture.

Attraverso undici capitoli l'autrice, usando un linguaggio semplice e facendo ricorso a moltissime immagini di varie epoche, presenta l'interazione che nel corso dei secoli si è avuta tra api ed esseri umani. I titoli dei capitoli sono dei piccoli capolavori di sintesi che illustrano alla perfezione tale interazione: ape biologica, domestica, politica, pia/immorale, utile, estetica, folkloristica, ludica, cinematografica, pensionata.

A causa della sua lunghissima storia insieme all'uomo, l'ape è sempre stata osservata, celebrata, raccontata e mitizzata (e, negli ultimi tempi, temuta) più attentamente della maggior parte degli altri animali. Alcune delle prime rappresentazioni pittografiche rimaste, così come i primi documenti scritti, includono il lavoro con le api. Dalla più antica poesia greca fino ai più recenti film dell'orrore hollywoodiani, l'ape è vista come l'emblema del rapporto tra l'uomo stesso e la natura. Il mistero e il miracolo dell'ape spinsero gli scienziati del XVII secolo – i primi a utilizzare un primitivo microscopio – a descrivere e disegnare l'ape prima di qualsiasi altra creatura.

Claire Preston, Le api. Storia, mito e realtàUn esempio di questo emblematico rapporto tra uomo e natura ci viene da William Shakespeare che nell'Enrico V scrisse:

così fanno le api, creature che,
seguendo una legge di natura,
insegnano ad agire col medesimo ordine
ai regni umani:
esse hanno infatti un re, e ufficiali d'ogni ordine,
dei quali alcuni fanno i magistrati
e amministrano in patria la giustizia;
altri hanno l'ufficio di mercanti
e s'avventurano in traffici all'esterno;
altri, come soldati, armati di pungiglioni,
vanno in giro a predare i vellutati calici d'estate,
il cui bottino, con allegro volo, riportano a casa
nella regale tenda del loro imperatore;
il quale, nella alacre sua maestà,
sorveglia i fuchi muratori che, cantando,
innalzano costruzioni d'oro,
i civili addetti a impastare il miele;
gli umili addetti ai trasporti
che fan ressa davanti al suo stretto ingresso,
coi loro gravi carichi;
il giudice che, con severo sguardo
e con tetro ronzio affida ai pallidi carnefici
i fuchi oziosi e sonnolenti.

Claire Preston
Le api. Storia, mito e realtà
traduzione di Gianna Colligiani
Orme, 2011
ISBN 978-88-88774-73-2
pp. 245, euro 16

  • shares
  • Mail