Maturità, ultimo step: l'esame orale

L'esposizione della tesina (o mappa concettuale) è l'ultimo scoglio da superare per diventare ufficialmente maturi e godervi l'estate, sempre se non avete un test d'ingresso da svolgere.

Superata la prima prova, la seconda prova - specifica a seconda dell'istituto frequentato - e il quizzone con le materie della terza prova, è il momento di affrontare l'ultimo, importante gradino di questa maturità: l'esame orale.

Maturità 2014, terza prova: la vostra com'è andata?

L'esame orale consiste in un'esposizione della vostra tesina - o mappa concettuale - dalla quale la commissione vi farà partire per mettervi a vostro agio facendovi parlare degli argomenti da voi scelti. Questo è solo il punto di partenza: la tesina può essere infatti lo spunto dove i professori - esterni e interni - si potranno agganciare per farvi qualche domanda sul programma dell'anno scolastico che avete concluso. Infine, si controllano assieme gli scritti, valutando gli errori - qualora ci siano - e discutendo delle vostre scelte.
Il colloquio in genere, salvo complicazioni, ha una durata media di circa quaranta minuti, alla fine del quale vi verrà assegnato un punteggio massimo di 30 punti con la sufficienza fissata a 22.

Vediamo come si calcola il voto finale: per gli scritti, ogni studente può ottenere un massimo di 45 punti che, sommata al punteggio dell'orale, compone il voto dell'esame di maturità appena concluso. A questo, poi siaggiungono i crediti maturati nel corso degli anni. Il voto finale potrà andare da un minimo di 60/100 ad un massimo di 100/100 (con eventuale lode).
Una volta usciti i quadri, sarete ufficialmente maturi e pronti a godervi l'estate, a meno che non dobbiate prepararvi per i test d'ingresso per accedere ad alcune facoltà universitarie.

Università italiane, la classifica delle migliori: Verona al primo posto

Una parte di questi test sono stati già svolti prima della fine delle scuole superiori: Medicina-Odontoiatria,Veterinaria, Architettura e Medicina in lingua inglese, infatti, hanno fissato le loro date lo scorso aprile, mentre molte altre si svolgeranno tra luglio e settembre.
Si parte il 3 settembre, con il test d'ammissione per le Professioni sanitarie, il 4 con Ingegneria e il 10 settembre con Economia. Ogni Ateneo ha poi un calendario specifico per i test delle proprie facoltà, molte delle quali si svolgono a luglio (per accedere a Economia a Tor Vergata di Roma la prima fase del test ci sarà il 22 luglio, addirittura il 15 per la Cattolica a Milano). E' consigliabile quindi consultare il sito dell'Università alla quale volete iscrivervi per non rischiare di fare un anno sabbatico forzato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail