Ascoltare la voce di Pablo Neruda a quarant'anni dalla morte

È stata messa online una celebre conferenza che Pablo Neruda tenne a New York nel 1966.

È finalmente disponibile online un discorso commovente che Pablo Neruda tenne a New York nel 1966. Si trattò di una conferenza storica, perché Neruda – senza dubbio il poeta più importante del XX secolo per usare la definizione di Gabriel García Marquez – non era ben visto negli Stati Uniti d’America, anzi era finito addirittura sulla lista delle persone “non gradite” stilata dalla CIA, situazione questa che gli impediva di mettere piede negli USA. Il motivo di tale scelta della CIA è dovuto al fatto che Pablo Neruda ammirava Stalin e la sua ammirazione per il dittatore continuò anche quando i suoi crimini vennero alla luce.

Se politicamente parlando Pablo Neruda era una persona “non gradita” negli USA, la sua poesia era ampiamente ammirata. Fu così che il presidente Lyndon B. Johnson riuscì a far ottenere un lasciapassare per il poeta che poté mettere piede sul suolo statunitense e prendere parte alla suddetta conferenza nella Grande Mela.

La conferenza di Pablo Neruda durò una quarantina di minuti e il poeta, commosso per l’affetto che gli venne mostrato, lesse alcune sue poesie, tanto in lingua originale che in traduzione.

Pablo Neruda, tre sue poesie per ricordarlo nell'anniversario della morte

A oltre quarant’anni dalla morte ora quella toccante conferenza può essere ascoltata online: ed è emozionante ascoltare la voce del poeta – che poi sarà insignito con il Nobel della Letteratura nel 1971 – che legge le sue poesie e le declama. Fortuna per chi allora ha avuto la possibilità di ascoltarlo. E fortunati anche noi che oggi, grazie alla tecnologia, possiamo rivivere quei momenti.

A seguire l'audio dell'intera conferenza di Pablo Neruda.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Panorama

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail