Premio Strega Giovani 2014: vince “Non dirmi che hai paura” di Catozzella

Per la prima edizione del Premio Strega Giovani la vittoria va a Giuseppe Catozzella, seguito da Gipi e Magini.

Il Premio Strega Giovani ha il suo primo vincitore: è Giuseppe Catozzella con Non dirmi che hai paura (Feltrinelli). A decretare la vittoria è stata una giuria di circa quattrocento ragazzi – come quattrocento sono gli Amici della domenica – provenienti da oltre quaranta scuole secondarie superiori distribuite in Italia e all’estero. In lizza per ricevere il riconoscimento erano tutti e dodici i libri in concorso per lo Strega 2014. La motivazione della vittoria è la seguente:

È un libro che non solo merita di essere letto ma che dovrebbe entrare nel patrimonio di tutti, specialmente di quelle persone che considerano l’immigrazione un problema da affrontare con il ferro e con il fuoco.

Al secondo posto si è piazzato Gipi con unastoria (motivazione: “Bianco e nero. Tratto nervoso. Costruzione di forme indefinite, sempre cangiati nei corpi leggeri. Inverosimilmente mi trovo catapultata in una gamma di colori accesi, quelli che mi usurpano, m’incombono ed è fatta, ci sono dentro”) e al terzo Marco Magini con Come fossi solo (motivazione: “L’attualità e la crudezza con cui viene presentato il romanzo sono un vero e proprio pugno nello stomaco per il lettore, che di fronte agli orrori della guerra si ritrova inspiegabilmente complice”).

Premio Strega Giovani 2014: vince “Non dirmi che hai paura” di Catozzella

Cos’è il Premio Strega Giovani? Leggiamo in un comunicato:

Il premio si pone come obiettivo la diffusione della narrativa italiana contemporanea presso il pubblico dei giovani adulti, riconoscendone e enfatizzandone l’autonomia di giudizio. Far sentire i ragazzi protagonisti, non soltanto utenti, del mondo della cultura significa investire sul loro e sul nostro futuro. La necessità di realizzare iniziative di promozione della lettura specificamente destinate a questa fascia di età appare evidente anche dal recente rapporto ISTAT La produzione e lettura di libri in Italia, che mostra un calo sensibile dei lettori (-9,5%) proprio tra i 15 e i 17 anni, a dispetto del picco di lettori fra gli 11 e i 14 (57,2%), ben superiore alla media nazionale (43%).

Domani, intanto, 11 giugno, verrà selezionata la cinquina finale per l’ambitissimo Premio Strega (anche se su Antonio Scurati si addensano nubi di un grottesco autoplagio).

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail