Guida al Cinema di Fantascienza, di Odoya, alla Sticcon 2014

Nuova guida sulla fantascienza di Odoya alla #Sticcon 2014

Esce il 30 maggio, per la casa editrice Odoya, La Guida al Cinema di Fantascienza, che segue, a distanza di qualche mese, la Guida alla Letteratura di Fantascienza, estesa e interessante panoramica, curata da Carlo Bordoni, direttore della rivista If, della produzione letteraria fantascientifica mondiale, suddivisa per argomenti (alieni, androidi e robot, apocalisse, genetica, invasione, universi paralleli, utopia e distopia, etc.); dagli autori delle origini a quelli dei giorni nostri, con riferimenti a contesti socio-culturali (politica, guerra fredda, Vietnam, etc.), riviste storiche e quant'altro.

Casa editrice indipendente, nata nel 2007, Odoya, che aspira a diventare la più cool sulla piazza, si occupa di saggistica divulgativa. Lo fa andando a posizionare i suoi libri a cavallo tra letteratura accademica, di cui garantisce il rigore scientifico, e "saggistica" di tipo frivolo, da cui mutua piacevolezza e scorrevolezza nella lettura.

Punto forte, naturalmente, i temi toccati, specchio di un intrigante eclettismo editoriale: si va dalle guide orienteering (come quelle al cinema e alla letteratura di fantascienza o alla letteratura degli Stati Uniti) alle "storie di" (vichinghi, guerre, pistoleri e selvaggio west, SS, gangser, marina, aviazione, civiltà varie) ad approfondimenti, più pop, su oggetti, concetti, musica, cantanti, gruppi, generi e movimenti artistici, personaggi famosi o emblematici nelle varie discipline, serie e facete, del presente e del passato, donne da ricordare, sport, animali, cibi e bevande, città, ritratte da punti di vista particolari, paesaggi dell'immaginario, aree geografiche interessanti, etc.

Nel 2012 Odoya ha acquisito Meridiano Zero e con questo marchio è entrata anche nel mercato della narrativa, nuova o "classica", mainstream o di genere * (è da poco uscito, ad esempio, il classico della fantascienza Assurdo Universo, di Fredric Brown).

Tra i libri di prossima pubblicazione - vogliamo ricordare le guide agli Eroi Marvel, al fumetto italiano, i saggi sui grandi esploratori, sulle battaglie del Mediterraneo durante la Seconda Guerra Mondiale, sugli scienziati in anticipo sui tempi, sull'esercito romano, sulle battaglie navali più importanti della storia, sulla vita di Margherita di Valois, sulle città di Atene e Berlino - c'è anche La Guida al Cinema di Fantascienza.

guida-cinema-fantascienza-odoya Scritta da Gian Filippo Pizzo, Roberto Chiavini e Michele Tetro, esperti di cinema e letteratura fantascientifica, già autori di numerosi libri specialistici, questa guida orienteering offre una strutturata panoramica del cinema di fantascienza, dai primi esempi in bianco e nero al 3D dei giorni nostri, dai fondali di cartapesta di Viaggio nella Luna di Georges Méliès (1902) alla computer grafica di Avatar di James Cameron (2009), dal mitico Metropolis di Fritz Lang (1927) al nuovo Robocop di José Padilha (2014).

La guida è divisa in due parti e in interessanti macrocapitoli (Dalle origini agli anni Cinquanta. Nascita e consolidamento del genere; Gli anni Sessanta, Settanta e Ottanta: dai film d’autore al ritorno del disimpegno; Dagli anni Novanta a oggi: la morte dell’immaginazione). Sono presenti, inoltre, schede su personaggi, saghe, registi, produttori, sceneggiatori, attori e, naturalmente, singoli film.

Il voluminoso libro illustrato verrà presentato domani a Bellaria, alla ventottesima edizione della Sticcon, la Star Trek Club Convention, riconosciuta dalla Paramount, che ospita anche la quarantesima edizione della letteraria Italcon (Convegno Italiano del Fantastico e della Fantascienza, corrispettivo nazionale dell'Eurocon e della WorldCon, la convention durante la quale vengono assegnati i Premi Hugo. All'Italcon si assegna il Premio Italia). La Sticcon, ormai una multicon, ospita anche l'undicesima edizione della YavinCon (la convention di Yavin 4, l'associazione nazionale dedicata a Star Wars e al fantastico in generale, che prende il nome da una delle lune del pianeta Yavin, sede di una spettacolare battaglia del primo Star Wars, poi Episodio IV). La Sticcon, ben oltre gli intendimenti dei primi trekker nostrani, è la più importante manifestazione italiana per la fantascienza. (Anche il fantasy, in verità, non manca. Così recita, infatti, la pagina ufficiale della Sticcon su Facebook: Convention di fantascienza e fantasy, Star Trek, Star Wars, Doctor Who, ecc. Con ospiti internazionali e italiani, che firmano autografi e incontrano i fan).

L'appuntamento con La Guida al Cinema di Fantscienza, che è un evento Italcon, è sabato 23 maggio, ore 17.30, al Palacongressi di Bellaria.

Questa la dettagliata sinossi ufficiale del libro: Il cinema e la fantascienza hanno storie intrecciate. Se il termine science fiction è solo del 1926, i vagiti del genere sono riscontrabili nel film di George Méliès Voyage dans la Lune (1902) vero e proprio cult per cinefili e non solo. Partendo dall’era del muto per arrivare all’imperdibile Pacific Rim (vero e proprio “sogno bagnato” per gli amati dei robottoni che prendono a pugni i mostri) la strada non è breve. Di mezzo ci sono un sacco di film che hano fatto la storia del cinema. Basti pensare a Metropolis (di Fritz Lang), le cui scene mancanti sono state miracolosamente recuperate nel 2008 a Buenos Aires; L’invasione degli ultracorpi di Don Siegel metaforico e distopico al contempo; Viaggio al centro della terra di Henry Levin, pioniere nell’ambioto degli effetti speciali; al must di Robert Wise Ultimatum alla terra; la sempre più osannata saga di Star Wars oppure Blade Runner, l’imperdibile storia del cacciatore di cyborg scritta da P.K. Dick e diretta su grande schermo da Ridley Scott… Eppure gli autori hanno accettato la sfida a di racchiudere in un solo libro il meglio (o almeno il degno di nota) del genere citando centinaia di film.

Per rendere agevole la lettura (ma anche la consultazione) Gian Filippo Pizzo, Michele Tetro e Roberto Chiavini hanno diviso il volume in due parti. La prima parte, a sua volta è suddivisa in tre macrocapitoli: Dalle origini agli anni Cinquanta. Nascita e consolidamento del genere; Gli anni Sessanta, Settanta e Ottanta: dai film d’autore al ritorno del disimpegno; Dagli anni Novanta a oggi: la morte dell’immaginazione. La seconda parte, invece, è un insieme di schede che riguardano i personaggi e i protagonisti del genere: i nomi imperdibili di registi, produttori, sceneggiatori, animatori di effetti speciali, attori, ma anche dei grandi personaggi delle saghe e dei film più importanti.

Intento dichiarato è studiare l’evoluzione nei film fantascientifici facendo caso, in primis, all’ambito storicoculturale in cui sono nati e come hanno risposto alle grandi domande dell’umanità. E qui non sono solamente gli intramontabili, i classici e i più famosi, ma i film poco conosciuti a fare la parte del leone. Si pensi che anche i fratelli Wachowsky (quelli di Matrix) nel loro ultimo film (l’intrecciato Cloud Atlas) tributano un film minore e poco conosciuto come 2022: i sopravvissuti di Richard Fleischer, tratto da un romanzo di Harry Harrison, che negli anni settanta affronta la tematica di una futuribile sovrappopolazione e conseguente mancanza di cibo.

In secundis l’evoluzione del cinema di fantascienza va vista, a detta degli autori, in base al rapporto con la tecnologia digitale che ha permesso lo sviluppo esponenziale degli effetti speciali. Se il cinema ha attinto a piene mani dalla letteratura fantascientifica (Pizzo fa parte del dream team della Guida alla lettaratura di fantascienza curata da Carlo Bordoni e non transige sulla citazione dei libri da cui sono stati tratti i film), oggi il cinema ha raccolto il testimone dalla letteratura posizionandosi al primo posto tra le arti che riproducono l’immaginario fantascientifico. Scrivere Avatar non è la stessa cosa che vederlo in 3D…

Per concludere, un capitolo che riguarda la vessata questio: si tratta di B movie? Risponde sardonico il curatore: se pensate che Truffaut, Kubrick, Tarkowsky o Petri abbiano fatto dei B movie, liberissimi di pensare che il cinema di fantascienza sia un cinema di serie B.

AA. VV.
A cura di Gian Filippo Pizzo
Guida al Cinema di Fantascienza
Odoya Edizioni (collana OL - Odoya Library)
€ 20,00
In uscita il 30 maggio

Per chi fosse interessato anche alla precedente pubblicazione in campo fantascientifico, questa è la cover e questi sono i dati della Guida alla Letteratura di Fantascienza: guida-letteratura-fantascienza-odoya

AA. VV.
A cura di Carlo Bordoni
Guida alla Letteratura di Fantascienza
Odoya Edizioni (collana OL - Odoya Library)
€ 26,00
Uscito a ottobre 2013

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail