Salone del Libro, i dieci libri della vita di Fabio Volo

Ospite a "Che Tempo che Fa", Fabio Volo ha elencato i dieci titoli più importanti della sua vita.

Al Salone del Libro di Torino ci sono proprio tutti. Ieri, collegato in diretta dal Lingotto per la trasmissione "Che Tempo che fa" c'era anche lo scrittore Fabio Volo, ospite alla Fiera per presentare il suo ultimo libro "La Strada verso casa".

Spinto dalla moda del momento di declamare il decalogo delle cose importanti della propria vita, anche Fabio Volo si è cimentato nel mostrare ai telespettatori i dieci libri che hanno segnato la sua vita. Dieci titoli, alcuni ovvi, altri un po' meno, consigliati per avvicinare soprattutto i giovani alla lettura. Un percorso di formazione scandito a tappe, dall'adolescenza all'età matura, attraverso questi dieci volumi. Vediamo quali sono.

1) "Narciso e Boccadoro" di Herman Hesse, considerato da Volo "il libro dell'adolescenza per eccellenza", un romanzo che esprime "il grande questito degli adolescenti", ovvero "rimango a casa o vivo una vita di esperienze in giro per il mondo?"

2) A rispondere alla domanda precedente, ci pensa "La linea d'ombra" di Joseph Conrad, romanzo di formazione attraverso il quale l'uomo decide di "diventare padrone del suo destino"

3) "Ma le cose non vanno mai come ci si aspetta", perciò, per evitare di bruciare le tappe o di essere troppo frenetici, Volo consiglia "L'amore ai tempi del colera", di Gabriel Garcìa Marquez, un libro che insegna "ad imparare ad aspettare"

4) Al quarto posto troviamo una qualsiasi biografia sullo scultore Michelangelo Buonarroti. Perchè? Perchè Michelangelo era in grado di portare alla luce la bellezza dalla materia grezza, una lettura che ha portato Volo a scegliere il titolo numero cinque che è...

5) "Il Vangelo" di Giovanni, perchè "ognuno di noi è un'opera d'arte che va portata alla luce"

6) Per "imparare ad avere una morale senza essere moralisti" spunta "I fratelli Karamazov" di Dostoevskij

7) Quale è stato il libro che ha spinto Volo a lanciarsi nel mondo della scrittura? E' questo: "Il lamento di Portnoy", di Philip Roth: "Grazie o per colpa di questo libro io ho avuto voglia di scrivere i miei".

philip_roth

8) "La vita davanti a sè" di Romain Gary si aggiudica l'ottavo posto nella lista dei dieci meglio

9) Non poteva mancare un giallo, perciò ecco "Il potere del cane" di Don Winslow alla nona posizione

10) L'ultima scelta viene fatta quasi a fiducia, perchè "Il figlio" di Philippe Meyer Volo non l'ha ancora letto, ma a detta sua è un libro utile per conoscere meglio l'America.

Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

  • shares
  • Mail