Salone del libro di Torino 2014: Susanna Tamaro è la madrina della manifestazione

È stato reso noto il programma del Salone del Libro per il 2014, ricchissimo, come sempre, di eventi e appuntamenti.

Fervono i preparativi per la ventisettesima edizione del Salone Internazionale del Libro che si terrà da giovedì 8 a lunedì 12 maggio 2014 al Lingotto Fiere.

Tema conduttore del Salone 2014 è il Bene, nelle sue implicazioni filosofiche, etiche, storiche, letterarie e neuroscientifiche. Il concetto di Bene comune. La suggestione di Primo Levi del «lavoro fatto bene» per riscoprire la cura artigianale anche nella creazione e produzione editoriale.

Susanna Tamaro è la madrina del Salone 2014 e, giovedì 8, terrò la prolusione inaugurale sulla necessità del Bene. Aver cancellato la linea di demarcazione tra il bene e il male, trasformando una scelta imprescindibile in qualcosa di relativo, ha contribuito a trascinare le nuove generazioni in uno stato di confusione e offuscamento, da cui è sparito ogni possibile senso da dare alla propria esistenza.

Salone del Libro di Torino 2014

Paese Ospite d’onore, come è noto, è la Santa Sede, presente nel Padiglione 3 con un grande spazio espositivo che riproduce il selciato di Piazza San Pietro e la cupola della Basilica nel progetto originario di Donato Bramante, di cui nel 2014 ricorrono i cinquecento anni dalla morte. Gli altri Paesi rappresentati al Salone: Albania, Arabia Saudita, Brasile, Francia, Israele, Perù, Polonia, Romania.

Al pari dello scorso anno c’è anche la Regione ospite: quest’anno è il Veneto (lo scorso anno era la Calabria), ma ci sono anche altre regioni che hanno uno spazio proprio: Basilicata, Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria.

Una novità interessante è quella del Padiglione 1 che diventa il padiglione degli Editori indipendenti. Un allestimento tutto nuovo - con un proprio logo, grafica dedicata e l’azzurro come colore-guida - accompagna Officina. Editoria di progetto: il programma di incontri, presentazioni, approfondimenti curato da Giuseppe Culicchia (in apertura di post un suo video) per scoprire e conoscere la ricchezza e creatività degli editori indipendenti e le figure professionali che – dall’autore al libraio – mettono il loro talento e il loro lavoro al servizio della creazione del libro. A proposito degli espositori, ne sono 53 quelli nuovi che debuttano nel 2014 al Salone, anche grazie ai progetti speciali che ogni anno incentivano la partecipazione di sempre nuove realtà editoriali. In particolare sono 23 i nuovi nomi presenti all’Incubatore, 4 in Book to the future, oltre alle 10 start up digitali innovative selezionate dal bando internazionale, 2 nell’area Editori per ragazzi e 14 con stand nelle aree tradizionali.

Tra i progetti speciali segnaliamo:


  • Lingua Madre, l’area dedicata al meticciato culturale, con l’omonimo concorso per le scrittrici straniere in Italia.

  • Book to the future (Padiglione 2) ospita le 10 startup migliori selezionate attraverso un bando per progetti di editoria digitale, realizzato in collaborazione con il Digital Festival e il contributo di Regione Piemonte.

  • L’Incubatore (Padiglione 1), che dà spazio alle case editrici indipendenti con meno di 24 mesi di vita.

  • Bookstock Village per i giovani lettori da 0 a 20 anni. I ragazzi di Andrea Bajani quest’anno hanno lavorato con i loro coetanei di Berlino per trovare le dieci parole comuni per definire l’Europa. Per il programma per i più piccoli Eros Miari si è inventato Bene Male Mah…

  • Tentazione e meditazione che schiera il meglio degli chocolatiers di Torino e Piemonte in un programma di incontri con scrittori e produttori coordinato dal critico Paolo Massobrio.

  • Casa CookBook, l’area nel Padiglione 2 interamente dedicata alle pubblicazioni enogastronomiche e di cucina, che quest’anno amplia l’offerta con un’area workshop dedicata al coinvolgimento diretto del pubblico.

Al Salone di Torino sarà presente anche una delegazione della Buchmesse di Francoforte, dal momento che nell’edizione 2015 paese ospite d’onore sarà la Repubblica Federale di Germania.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail