Salone del Libro di Torino 2014: l'innovazione tecnologica per favorire l'esperienza della lettura

Il Salone Internazionale del Libro apre alle start up tecnologiche: 10 aziende internazionali protagoniste a maggio a Torino. Premiate per innovatività, creatività, fattibilità del progetto e capacità di ingaggio di editori e lettori.

Mentre in molti ancora guardano torvo gli eBook, al Salone del Libro di Torino i libri digitali vengono considerati “tradizionali” e si guarda oltre. E meno male, aggiungiamo noi, perché è il bello di un Salone di tal levatura che celebra il libro in tutte le sue forme.

L’edizione di quest’anno del Salone, infatti, apre alle start up tecnologiche che hanno proposte veramente interessanti: dalle piattaforme per la lettura condivisa e di tutoraggio per gli studenti ai software per la creazione di contenuti digitali interattivi, dalle applicazioni di supporto all’apprendimento e allo sviluppo di nuove capacità per i bambini a strumenti per esercitare e migliorare la conoscenza delle lingue straniere, fino a progetti che sperimentano la realtà aumentata.

Si tratta di dieci start up che sono state selezionate attraverso un bando online e che offrono servizi innovativi per la fruizione dei contenuti, che contribuiscono a trasformare e a sviluppare il prodotto editoriale in formato digitale. Sono tutte start up giovani: per partecipare al bando, infatti, dovevano essere nate dopo il 1 gennaio 2011.

Al bando hanno partecipato oltre cinquanta realtà e alla fine sono risultate vincitrici dieci, così suddivise per nazionalità: una svizzera, una lituana, una californiana e sette italiane. Chi dice che l’Italia sia sempre indietro è, così, bellamente sbugiardato! Queste dieci start up saranno ospitate in un’area dedicata nel Padiglione 2 all’interno di Book to the future, il progetto speciale del Salone che da quattro anni rappresenta la vetrina d’eccellenza dell’editoria hi-tech.

Salone Internazionale del Libro - Torino

Vediamo in sintesi le dieci start up che troveremo poi al Salone di Torino (e di cui vi parleremo più a lungo, visto che Booksblog sarà al Salone del Libro):


  • 20lines (Treviso): piattaforma per il social reading che consente a chiunque di scrivere, leggere e condividere gratuitamente racconti brevi (è il video in apertura di post).

  • Bliu Bliu (Vilnius, Lituania): propone infatti un innovativo metodo per l’apprendimento delle lingue straniere attraverso la lettura di libri e notizie o la visualizzazione di video provenienti dal web in lingua originale, selezionati in base al livello e agli interessi dell’utente.

  • JB Lab (Torino): presenta al Salone G.R.I.M.M. - Grow in MultiMedia, un e-book più applicazione mobile per bambini da 0 a 10 anni che si adatta in modo dinamico alle diverse fasce d’età.

  • MaieuticaLabs (Torino): ha realizzato Cloudschooling, una piattaforma digitale dedicata all’apprendimento adattivo che ospita tutors di diverse discipline, rivolti alla scuola secondaria di primo e di secondo grado.

  • Newscron (Lugano, Svizzera): ha realizzato un aggregatore di contenuti che offre l’opportunità di leggere giornali, riviste, portali diversi in un’unica applicazione.

  • Pubcoder (Torino): ha sviluppato un software che permette a chiunque, anche a chi non ha alcuna conoscenza di linguaggi di programmazione, di realizzare un ebook avanzato, cioè arricchito con l’inserimento di interazioni, animazioni, video, suoni e lettura sincronizzata del testo.

  • SPAM (Milano): PAM è una start up milanese che produce l’omonima rivista gratuita, SPAM Magazine, realizzata interamente con l’uso della realtà aumentata.

  • Timbuktu (San Francisco, USA): produce prodotti digitali innovativi per bambini.

  • TwoReads (Venezia): propone infatti un software che aiuta i lettori a individuare nuovi libri adatti ai loro gusti, senza il condizionamento delle statistiche di vendita o delle strategie di marketing.

  • Xoonia (Milano): realizza software interattivi che permettono di interagire con uno schermo e i contenuti multimediali da esso trasmessi attraverso i movimenti delle mani e del corpo, senza la necessità di toccare lo schermo o di usare comandi a distanza.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail