Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag roberto saviano

Roberto Saviano di nuovo a Parigi

pubblicato da Sara Rania alias Kitsuné

Le combat continueNuovo “giro” dei media francesi per Roberto Saviano, che ne ha approfittato per presentare “Le Combat continue”, il libro tratto da “Vieni via con me”, la trasmissione condotta con Fabio Fazio nel novembre 2010, pubblicato recentemente dalle éditions Robert Laffont. Intervistato in diretta durante la seguitissima edizione radio di France Inter, alle 9 di stamani lo scrittore italiano, con l’aiuto di un traduttore simultaneo, si è infatti espresso a proposito della presenza delle mafie e sulla loro infiltrazione radicata non solo in quel Sud del paese più vicino ai costumi e al territorio italiano, con Nizza in testa, ma anche nella “tranquilla Bretagna” e naturalmente nella capitale.

Lo scrittore non ha esitato a tracciare un bilancio abbastanza preoccupante della penetrazione della “criminalità nostrana” in Francia, si è lasciato andare a qualche osservazione sulla carenza di discussioni sull’argomento, peraltro di grande attualità, che non sembra essere al centro dei dibattiti elettorali, accesi piuttosto su questioni di integrazione religiosa e ha annunciato la preparazione di un nuovo programma televisivo.

Dopo il grande successo di Gomorra, best-seller, film campione di incassi e spettacolo teatrale ancora in tourné lo scorso aprile, “l’esplosione del caso Saviano”, che non è passata inosservata oltralpe, ecco che si riaccendono riflettori su una realtà troppo spesso dimenticata sotto l’etichetta di affaire tutto italiano. Per ribadire l’importanza della discussione domani in prima serata il canale Planète+ manderà in onda un documentario inedito, realizzato della regista la Elisa Mantin, che illustra il complesso “vivere quotidiano” di uno scrittore che, nonostante sia costantemente sotto scorta, non esita a considerarsi fortunato!

Via | teleobs.nouvelobs.com

....
condividi 0 Commenti

"Gotica" di Giovanni Tizian

pubblicato da Sara Rania alias Kitsuné

Finché le organizzazioni criminali, quelle italiane dai nomi spaventosi come ‘ndrangheta, mafia e camorra, restano “al di sotto del centro-italia”, sembra quasi che ci sia una specie di “assopimento” dell’opinione pubblica. I delitti e le attività criminose che perpetuano potrebbero sembrare, in un certo senso, attraverso sguardi, spesso inconsapevolmente compiacenti, “questioni tutte meridionali”, che nulla hanno a vedere con l’oliata “macchina produttiva del Nord”. Ed ecco che, svaniti gli echi delle grandi azioni, le battaglie che si oppongono ad un tale stato di cose, restano davvero confinate in quel Sud che ne subisce, ormai da decenni, la parte più violenta, e affievoliscono la loro efficacia. Perché il paradosso è che si tratta in realtà di un fenomeno che investe molto di più in zone apparentemente “pulite”, come le grandi metropoli del settentrione, che sono ormai al centro degli interessi dei clan.

“Gotica” di Giovanni Tizian, per Round Robin editrice, come già “Gomorra”, punta i riflettori proprio su questo aspetto misconosciuto, quello della “criminalità dei manager”, che, in giacca e cravatta e con il loro prestigioso master in tasca, fanno fruttare gli affari delle mafie proprio lì dove gira la maggior parte degli interessi economici del paese, in quel Nord che si “pretende immacolato” e che, a maggior ragione in periodi di forte crisi, ha un ingente bisogno di grandi disponibilità di capitali. Il suo autore ha “riesumato” nel titolo, la “tristemente famosa” linea di trincee che fu teatro della sanguinosa “vittoria difensiva” tedesca, perché è proprio su questo “confine non solo apparente”, che si giocarono e si giocano ancora i destini dell’intera Italia.

Se le infiltrazioni sono ormai una realtà della quale si può e si deve parlare, ciò non toglie che, chi lo fa davvero, mettendo in fila nomi e cognomi, date e luoghi, rischia ancora grosso. Il giornalista ventinovenne Tizian, (che alle 18 di oggi pomeriggio sarà a Napoli, presso la libreria Feltrinelli di Santa Caterina a Chiaia) a soli sette anni ci ha perso il padre, onesto banchiere ucciso a colpi di lupara, in Calabria nel 1989, solo un anno dopo l’incendio della fabbrica del nonno. Anche per questo, una volta emigrato, ha deciso di indagare e raccontare, senza remore. Come già Saviano, vive sotto scorta. L’associazione daSud, ha lanciato la campagna per sostenerlo. “Io mi chiamo Giovanni Tizian” mira ad affermare e diffondere la cultura dell’antimafia anche dove si pensava che il problema non esistesse, e a ricucire la linea a sostegno di un necessario intervento comune.

Via | roundrobineditrice.it

....
condividi 0 Commenti

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 13 al 19 febbraio 2012

pubblicato da Roberto Russo

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 13 al 19 febbraio 2012Roberto Saviano torna in vetta alla classifica degli eBook più venduti con il suo Super Santos, edito da Feltrinelli. Al secondo posto abbiamo subito una new entry: I signori del rating di Paolo Gila e Mario Miscali pubblicato da Bollati Boringhieri e al terzo gradino del podio troviamo Nebbia Rossa di Patricia Cornwell per Mondadori.

Fin dai primi tre libri della nostra classifica settimanale degli eBook si notano i gusti dei lettori di libri digitali: un’alternanza tra narrativa e saggistica, con un occhio particolare per l’attualità e l’economia. Prova di questo interesse è, per esempio, il libro di Elido Fazi dal titolo La Terza Guerra Mondiale? La verità sulle banche, Monti e l’Euro che, pur occupando il quinto posto della classifica, è presente in quattro store (IBS, BookRepublic, UltimaBooks e Amazon).

Continuando nella classifica quest’alternanza tra narrativa e saggistica continua: al quarto posto, infatti, figura Il segreto del tredicesimo apostolo di Richard e Rachael Heller per Newton Compton; al quinto il summenzionato testo di Fazi; al sesto una varietà di titoli che confermano ancora una volta tale tendenza (Amy Bratley e Andrea Camilleri, ma anche Luigi Giussani e il testo su Steve Jobs del Corriere).

Continua a leggere: La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 13 al 19 febbraio 2012

....
condividi 0 Commenti

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 6 al 12 febbraio 2012

pubblicato da Roberto Russo

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 6 al 12 febbraio 2012

Questa è senza dubbio la settimana di Andrea Camilleri in eBook: lo troviamo, infatti, al primo posto con Il diavolo, certamente (Mondadori) e al quinto posto con due titoli - Acqua in bocca (Minimum Fax) e La setta degli angeli (Sellerio). Camilleri non è solo al primo posto di questa nostra classifica: condivide, infatti, il podio con La Terza Guerra Mondiale? di Elido Fazi (edito da Fazi) e con Amore zucchero e cannella di Amy Bratley (Newton Compton) che, vista la festa di san Valentino, ci sta proprio bene. Medaglia di bronzo questa settimana è Roberto Saviano con Super Santos (Feltrinelli) e l’argento va alla Nebbia Rossa di Patricia Cornwell (Mondadori).

Gli altri posti della classifica sono occupati da vari titoli (trovate l’elenco completo e ordinato dopo il salto). È interessante notare la continua presenza di testi autopubblicati (Max Dezzi e L’Amazzone di San Giorgio stanno diventando un vero e proprio caso) come anche titoli che riguardano l’attualità: dal Concordiagate di Luciano Castro e Patrizia Perilli per CUEC a Concordia, la vera storia di Marco Imarisio e Fiorenza Sarzanini per il Corriere della Sera; dal Steve Jobs Stay Hungry Stay Foolish (sempre per il Corriere) al già citato eBook di Fazi La Terza guerra mondiale? La verità sulle banche, Monti e l’Euro.

A giudicare dai titoli in classifica sembra che chi legge eBook passi da un genere all’altro senza una preferenza specifica (qualche tempo fa si diceva che gli eBook erano più adatti per i saggi e non per la narrativa): un segnale interessante in ogni senso.

Continua a leggere: La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 6 al 12 febbraio 2012

....
condividi 3 Commenti

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 30 gennaio al 5 febbraio 2012

pubblicato da Roberto Russo

Leggere eBook

Continua il nostro viaggio nella classifica settimanale degli eBook più venduti in Italia: si tratta di dati non ufficiali, certo (in Italia ancora non esiste una classifica ufficiale per le vendite degli eBook), ma di una classifica stilata secondo alcuni criteri che, in ogni caso, ci permettono di farci un’idea sia di quali siano i gusti delle italiane e degli italiani per quel che riguarda la lettura digitale, sia di come si muova il mercato degli eBook. E visto che l’ISTAT ha deciso di inserire nel celebre paniere per il calcolo dell’inflazione anche i libri digitali, si tratta di dati da seguire con ancora più attenzione (e curiosità, se volete).

La classifica degli eBook di questa settimana vede al primo posto Roberto Saviano e il suo Super Santos, edito da Feltrinelli; il secondo posto va a Patricia Cornwell con Nebbia Rossa (Mondadori); il terzo gradino del podio vede un pari merito: La lettera sulla felicità di Epicuro (Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri) e La luce che c’è dentro le persone di Banana Yoshimoto per Feltrinelli.

A dire il vero la classifica non presenta grandissime novità: sono quasi sempre gli stessi editori ed autori a fare saliscendi tra i vari gradini della nostra classifica. Qualche dato interessante, comunque, c’è: troviamo in classifica un instant book sulla tragedia della Concordia (Marco Imarisio - Fiorenza Sarzanini, Concordia, la vera storia, edita dal Corriere della Sera) come anche, qua e là, presenza di testi autopubblicati (L’Amazzone di San Giorgio di Max Dezzi che è ormai in classifica - su Amazon – da ben 64 giorni; Rossella Pulimeno, Tagliata da un vetro di sole e Alberto Pian, Crea un eBook impaginato e animato entrambi pubblicati con Narcissus Self Publishing).

Continua a leggere: La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 30 gennaio al 5 febbraio 2012

....
condividi 0 Commenti

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 23 al 29 gennaio 2012

pubblicato da Roberto Russo

Leggere eBookAltra settimana, altra classifica degli eBook secondo Booksblog. Prima di addentrarci tra le varie posizioni della classifica una considerazione generale sugli eBook. Nei giorni scorsi c’è stato molto dibattito – in rete e fuori – su alcune affermazioni di Jonathan Franzen (romanziere americano – pubblicato in Italia da Einaudi – che vende moltissimo: il suo romanzo Le correzioni ha venduto quasi tre milioni di copie e Libertà è tra i bestseller del 2010). Franzen proprio non ci sta a leggere gli eBook e per lui risulta molto importante il mezzo, cioè la carta. Nel corso del Festival Letterario di Cartagena de las Indias, in Colombia, lo scrittore ha detto:

eBook e dispositivi come il Kindle di Amazon non avranno mai il fascino della carta stampata. La tecnologia che preferisco è quella usata per realizzare l’edizione tascabile americana di Libertà. Posso spruzzare dell’acqua sul libro e quello, una volta asciugato, continuerà a funzionare, anche tra dieci anni. Per forza che i capitalisti odiano i libri cartacei: non sono un grande affare! Per un lettore serio il senso di permanenza materiale dell’oggetto libro è sempre stata un’esperienza essenziale. In un mondo in cui tutta l’esperienza si sta facendo fluida, l’immutabilità del testo cartaceo è una certezza.

Riflessioni rispettabili, come tutte le considerazioni in merito. Solo che mi sanno già di sentito: sono più o meno le stesse che avvenivano secoli or sono quando Gutenberg inventò la stampa. Per molti quella era la fine del libro, perché un libro, per essere vero, doveva essere scritto a mano… Ma veniamo alla nostra classifica settimanale degli eBook.

Continua a leggere: La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 23 al 29 gennaio 2012

....
condividi 0 Commenti

La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 16 al 22 gennaio 2012

pubblicato da Roberto Russo

La classifica settimanale degli eBook secondo BooksblogDi settimana in settimana monitoriamo i principali store online italiani per armonizzare i dati di vendita forniti e stilare, così, una classifica degli eBook. Confrontando la classifica degli eBook con quella dei libri cartacei un primo dato salta agli occhi: il lettore italiano va abbastanza sul sicuro e sembra seguire – anche per quel che riguarda il digitale – le grandi case editrici come le autrici e gli autori blasonati. Se è vero che in classifica notiamo sempre questa o quella casa editrice poco nota o autori esordienti è pur vero che la parte del leone la fanno i big. Casi di successo di autori esordienti divenuti famosi grazie agli eBook o all’autopubblicazione che sappiamo avvengono oltreoceano, li vedremo mai anche da noi? Da notare, in tale senso, il libro autopubblicato L’Amazzone di San Giorgio di Max Dezzi che rimane nella classifica di Amazon, anzi sale rispetto alla settimana scorsa.

Prima di passare alla lista degli eBook in classifica questa settimana (elenco che trovate alla fine del post), mi soffermo su una classifica nella classifica: quali sono le case editrici che hanno venduto più eBook in questa settimana?

Al primo posto degli editori troviamo Mondadori con sei titoli, seguito da Newton Compton con quattro titoli e da un pari merito: Adeplhi con tre titoli (Adelphi sta facendo un’offerta sugli eBook di Simenon) e da Feltrinelli, sempre con tre titoli (e l’eBook di Saviano, Super Santos, è il primo della classifica di questa settimana). Tutti gli altri editori hanno un solo libro e si collocano al quarto posto di questa classifica nella classifica. In ordine alfabetico abbiamo: Corriere della Sera, Einaudi, Fazi, La Stampa, Max Dezzi (autopubblicato), Narcissus (il self-publishing di Simplicissimus), Sellerio e Sperling&Kupfer.

Continua a leggere: La classifica degli eBook secondo Booksblog - settimana dal 16 al 22 gennaio 2012

....
condividi 0 Commenti

Il respiro del buio, il nuovo libro di Nicolaj Lilin, lo scrittore amato da Saviano

pubblicato da sara

lilin In uscita il nuovo romanzo di Nicolai Lilin, scrittore siberiano schizzato in cima alla classifica dei best seller italiani grazie a una belliima recensione, a suo tempo, di Roberto Saviano. Mentre in Educazione siberiana Lilin era in qualche modo un romanzo di formazione, con al centro la vita di un adolescente Urka (popolo siberiano) nel Respiro del buio c’è, stando alla anticipazioni, la cronaca di una disillusione.

Il protagonista, finito il servizio militare ceceno, torna in patria in treno, con un paio di occhi diversi. Niente è uguale a Bender, perchè lui stesso è cambiato. E la fuga da un passato che vuole dimenticare, in un privato “dopoguerra” di solitudine e nuove ansie, è quasi impossibile.

Queste brevi notazioni vi ricordano un po’ l’atmosfera de La tregua di Levi? Nicolai ha una reazione di rifiuto totale per tutto ciò che lo circonda, tutto gli sembra falso, e non riesce a dimenticare atrocità commesse e subite. Per tentare di farlo, decide di tornare alle radici siberiane. Ma l’idillio dura poco: un nuovo incarico in una ditta di sicurezza a San Pietroburgo rompe l’idillio.

....
condividi 0 Commenti

Il gioco delle copertine: Gomorra e Il coltello e il mercato

pubblicato da Manila Benedetto


Guardate l’immagine sopra e ditemi se c’è una leggera somiglianza… Ebbene sì, anche nella tipologia di testo. Si tratta, come avrete capito, di Gomorra di Roberto Saviano (Mondadori) e di una nuova uscita, Il coltello e il mercato di Marcella Marmo (L’ancora del Mediterraneo).

La scelta di due copertine così simili è della casa editrice napoletana, che per presentare il saggio storico e analitico scritto dalla Marmo, una delle principali studiose partenopee, ha voluto “ispirarsi” alla copertina del bestsellers. “…mi è sembrata una citazione postmoderna ben riuscita, in cui il colore rimanda all’attualità di Gomorra, mentre la linea dei coltelli ben si sposa con quello che è contenuto del mio libro, un’analisi sulla camorra dell’ 800 con uno sguardo particolare agli effetti, positivi, dell’Unità d’Italia.” ha dichiarato al Corriere l’autrice, intervistata sulla scelta della copertina.

Le opinioni sulla questione sono differenti, l’editore afferma di aver voluto dissacrare il mito di Gomorra, mentre alcuni giornalisti affermano che la serietà del saggio di una validissima e riconosciuta storica potrebbe essere preso poco sul serio a causa di questo divertissemant delle copertine. Voi cosa ne pensate?

....
condividi 0 Commenti

Libri che non piacciono nemmeno al gatto: “Guerra e pace” di Lev Tolstoj

pubblicato da Roberto Russo

Se da un lato c’è chi stila una classifica generale dei libri da non leggere prima di morire, dall’altro c’è la classifica personale di ogni lettore, classifica che annovera sia i libri più belli che sono stati letti sia quelli più brutti. Una classifica del genere, per ovvie ragioni, è del tutto personale e potrebbe non essere condivisa da altri. Ma, del resto, ogni lettore è arbitro delle proprie letture e, liberamente, può stabilire cosa gli piace e cosa no, a dispetto di blasonate recensioni e classifiche di vendita.

Allo scottish fold del video pare non piaccia Guerra e pace di Lev Tolstoj (chissà, visto che è in inglese, forse non gli andrà a genio la traduzione…). Al di là dello scherzo, c’è un libro al quale voi dareste la palma di “libro che non piace nemmeno al gatto”?

A rischio di essere impopolare, la mia scelta di “libro che non piace nemmeno al gatto” cade su Gomorra di Roberto Saviano. Ho iniziato a leggerlo diverse volte, è sul mio comodino da anni ormai, ma non riesco proprio a farmelo piacere. Dopo alcune pagine l’attenzione cade, lo stile non mi cattura e, immancabilmente, lo chiudo e passo ad altro. Prima o poi lo leggerò. Forse.

....
condividi 2 Commenti