L'uomo dagli occhi meravigliosi, ricordando Charles Bukowski

Tratto da "Nato per rubare le rose - Madrigali da una camera in affitto”.

Domani ricorre il ventesimo anniversario della morte di Charles Bukowski, lo scrittore dei bassifondi, dalla vita sregolata, dedita all'alcol e alle donne. Elementi che ricorrono continuamente nei suoi romanzi, nei racconti e nelle sue poesie.

Ma Henry "Hank" Chinasky non è stato solo questo. Lo dimostra questa poesia, dal titolo "L'uomo dagli occhi meravigliosi", di cui si trova questo bellissimo video d'animazione. Una poesia sul ricordo vivido dell'infanzia della voce narrante,  di una giornata con gli amici e di un incontro con un uomo ai margini della società. Un uomo "dagli occhi meravigliosi", che viveva in una casa dove i ragazzi avevano l'ordine di non avvicinarsi. Un uomo che per loro diventa invece una figura mitica, così come il suo mondo rinnegato dalle loro famiglie, dedite ad una vita piatta e inconsistente. Un uomo proprio come Bukowski, per anni odiato e rigettato dall'opinione pubblica, ma pieno di una bellezza che solo in pochi riescono a vedere.

Quando eravamo piccoli c’era una casa strana, 
gli scuri erano sempre chiusi
non sentivamo voci venire da dentro.
Il giardino era pieno di canne di bambù,
ci divertivamo a giocare tra i bambù.
Fingevamo di essere Tarzan, anche se macava Jane,
C’era un grande stagno con i pesci rossi più grassi del mondo.
Erano pesci addomesticati. salivano in superficie
per prendere dalle nostre mani le briciole di pane.
I nostri genitori ci avevano detto:
“Non avvicinatevi a quella casa.” Naturalmente ci andammo.
Ci chiedevamo se qualcuno ci abitasse
Passavano le settimane, ma non si vedeva nessuno,
un giorno sentimmo una voce provenire dalla casa:
“Maledetta puttana!” Era la voce di un uomo.
Poi la porta di casa si spalancò e l’uomo ne uscì.
Teneva una pinta di whisky nella mano destra.
Avrà avuto trent’anni.
Aveva un sigaro in bocca e la barba non rasata.
i suoi capelli erano ribelli e spettinati
ed era scalzo in cannottiera e pantaloni.
Ma gli occhi erano luminosi, splendevano. E disse:
“Signorini! Spero vi stiate divertendo.”
Poi fece una risatina e tornò nella sua casa.
Ce ne tornammo nel giardino dei miei genitori per riflettere sulla cosa.
Arrivammo alla conclusione che i nostri genitori volevano tenerci lontani da lì,
perchè non volevano che vedessimo un uomo come quello:
un uomo forte dagli occhi meravigliosi.
Si vergognavano di non essere come lui
per questo volevano tenercene alla larga.
Ma noi tornammo a quella casa e alle canne di bambù
e ai pesci addomesticati.
Tornammo tante volte e per molte settimane di seguito,
ma non vedemmo nè sentimmo più quell’uomo.
Gli scuri erano chiusi come sempre e tutto era silenzioso.
Un giorno mentre tornavamo da scuola vedemmo la casa.
Era bruciata, non era rimasto niente.
Solo delle fondamenta fumanti.
Corremmo allo stagno dei pesci rossi e non c’era più l’acqua.
I grassi pesci rossi erano morti.
Tornammo al giardino dei miei a parlarne.
Secondo noi i nostri genitori avevano bruciato la casa
avevano ucciso gli abitanti e avevano ucciso i pesci
perchè era tutto troppo bello.
Avevano bruciato anche la foresta di bambù.
Avevano avuto paura dell’uomo dagli occhi meravigliosi.
Noi cominciammo a temere che per il resto della nostra vita
sarebbero successe cose come queste,
che nessuno avrebbe voluto persone belle come quell’uomo,
che gli altri non lo avrebbero permesso
e che molte persone sarebbero dovute morire.

Testo tratto da
"Nato per rubare le rose- Madrigali da una camera in affitto",
SugarCo Editore, 1997

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 46 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO