DailyThem.es, il social network dove si impara a scrivere

Obiettivo? Imparare nuove lingue e preservarle dal declino.

Dopo "Like" e "Condividi", bisognerebbe aggiungere l'opzione "Correggi": i social network infatti sono la culla degli errori - o per meglio dire orrori - grammaticali, ortografici e sintattici. Errori che vengono "giustificati" dal fatto che le piattaforme social dovrebbero eccellere in velocità, e la fretta, si sa, è cattiva consigliera, perciò si sacrifica la qualità alla tempestività.

A porre fine a questo strazio grammaticale, arriva dall'America un nuovo social network:si chiama DailyThem.es e consiste in una piattaforma internazionale a disposizione di chiunque parli una lingua che non sia anglofona. L'obiettivo è quindi quello di  superare le barriere linguistiche imposte da social network come Twitter o  dal cinese Weibo. Come funziona? Si hanno a disposizione 100 parole al giorno con le quali realizzare dei testi che saranno corretti direttamente dalla community. Ogni giorno verrà realizzato un grafico statistico, una sorta di pagella elettronica che ci permetterà di vedere se stiamo migliorando la nostra lingua.

Inizialmente solo in inglese, DailyThem vuole però ampliare il proprio raggio a qualsiasi lingua del mondo, utilizzando il metodo del peer-reviewing, anche se esclusivamente rivolto alla forma e non al contenuto. Al momento gli utenti più appassionati sono gli arabi, che vedono questo social network un ottimo strumento per imparare l'inglese, seguito da molti altri utenti - anche di lingua madre - che vogliono migliorare la loro lingua ed apprendere la grammatica in maniera interattiva.

Lo scopo finale sarà quello di creare una grande community linguistica, capace di preservare il proprio idioma dagli "attacchi" della modernità. Secondo il linguista britannico David Crystal, ogni anno scompaiono nel mondo 25 lingue. Di questo passo, nel giro di un paio di secoli potrebbero rimanerne solo tre: l’inglese, lo spagnolo e il cinese. Per questo motivo DailyThem nasce rivolgendosi principalmente a quelle community di utenti sempre più isolate dalla Rete proprio a causa di questo gap linguistico. "Abbiamo deciso di creare una piattaforma divertente su cui scrivere e una comunità che condivida la passione per imparare: siamo il primo social a promuovere questo aspetto". Una piattaforma a metà tra un blog, un social network e uno strumento di e-learing, dalle potenzialità ancora tutte da scoprire.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO