È morto Antonio Tabucchi. Celebre il suo romanzo “Sostiene Pereira”

Antonio Tabucchi

Antonio Tabucchi è morto questa mattina a Lisbona. Aveva 68 anni ed era da tempo malato. Tabucchi era nato a Pisa nel 1943 e il suo esordio letterario è del 1975 con Piazza d'Italia. Favola popolare in tre tempi, un epilogo e un'appendice (Bompiani). Lo scrittore è stato uno dei maggiori conoscitori e divulgatori dell'opera di Fernando Pessoa ed è divenuto noto al grande pubblico con Sostiene Pereira. Una testimonianza (Feltrinelli) e Notturno Indiano (Sellerio). Il suo ultimo libro, Racconti con figure, è stato pubblicato da Sellerio lo scorso anno. Personalmente ho sempre molto apprezzato Donna di Porto Pim.

Tabucchi era legatissimo al Portogallo e il fatto che sia morto proprio a Lisbona sembra ricordare alcuni passi di Notturno Indiano in cui un personaggio del tutto marginale “trasporta” il proprio corpo malato verso Benares, città che avrebbe dato un senso alla sua morte e, quindi, alla sua vita. Antonio Tabucchi ebbe a dire:

So sempre, anche se a volte resta vago, quando un'anima o un personaggio sta viaggiando in aria e ha bisogno di me per raccontarsi.

Ora ci restano i suoi testi che continuano a raccontare per lui e ci aiuteranno a scrutare “in aria” per cercare di leggere meglio questo nostro mondo.

Foto | Panorama

  • shares
  • +1
  • Mail