Barafonda, di Michele Marziani

Scritto da: -

Barafonda, di Michele MarzianiIl titolo di una delle più importanti opere di Pirandello Uno, nessuno e centomila si è radicata nel linguaggio comune diventando, tutto sommato, quasi incomprensibile nella sua cruda realtà. Inserendoci nel discorso dell’identità potremmo rappresentare il romanzo di Michele Marziani dal titolo Barafonda (Barbès editore) come l’affermazione dell’uno.

Franco Botteghi, personaggio principale del libro, ad un certo punto della sua vita, decide di crearsi “una vita in proprio” per evitare tutto ciò che in un’esistenza che potremmo definire normale, non funziona.

Come nei sogni, quando li prosegui da solo, già sveglio, anzi nel dormiveglia, e li porti un po’ dove vuoi […] È questione di aspettare: col tempo l’invenzione sedimenta, diventa vera, anche tu ci credi. È la tua storia. È la tua vita. Fino al giorno in cui qualcuno bussa alla porta. Allora ti mette davanti dei pezzi di carta che sostengono di dire la verità e che dimostrano il contrario di quello che tu sai raccontare.

La premessa potrebbe sembrare banale, ma nell’attività e nello sviluppo del personaggio si dipana tutta la sofferenza e l’ordito, che non è mai lineare, di una vita. La nuova identità viene vissuta con tanta maestria, con tanta passione che il momento dello smascheramento non potrà che avere come conseguenza l’annientamento del personaggio che dalla maschera aveva tratto non solo vigore, ma ragion d’essere.

Michele Marziani, giornalista e scrittore attento che abbiamo apprezzato nel romanzo La signora del caviale ma anche nei saggi che sapientemente mescolano narrazione e gastronomia come I sapori della terra di mezzo e I sovversivi del gusto, con Barafonda non si discosta dai temi sociali cari alla sua formazione. Temi che, nella narrazione, seguono una gran quantità di direzioni, non per perdere di vista la coesione, ma per rappresentarla e rafforzarla attraverso l’uso di una lingua “lieve” e “chirurgica” che non si discosta dall’esperienza che ciascuno di noi, a ben guardare, può avere della realtà.

La vita creata in proprio è più bella e on ci sono le cose che non funzionano, le delusioni […] Bisogna solo saper raccontare

Michele Marziani
Barafonda
Barbés 2011
ISBN 978-88-6294-248-5
pp. 170, euro 14

Vota l'articolo:
3.40 su 5.00 basato su 5 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Booksblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.