Figlio di Hamas, di Mosab Hassan Yousef

Figlio di Hamas, di Mosab Hassan YousefNarrare storie per raccontare la Storia. In particolare la Storia è quella della situazione politica di Israele, della Palestina, dei Territori, di Hamas, dell'OLP... Le storie sono gli episodi della vita di un personaggio di spicco che di quella Storia è stato testimone. Mosab Hassan Yousef, figlio di uno dei fondatori di Hamas, nel libro Figlio di Hamas. Dall'Intifada ai servizi segreti israeliani – edito in Italia da Gremese, dopo aver venduto centinaia di migliaia di copie nelle traduzioni in Francia, Germania, Russia e Giappone – racconta la sua storia e mette in luce diversi aspetti “interni” della Storia di quella parte del mondo che pare non trovare mai pace.

Figlio di Hamas
è una pubblicazione interessante perché, oltre a fornire una serie di dettagli e particolari che le notizie “ufficiali” spesso non danno – o danno in maniera parziale –, racconta dal di dentro la situazione socio-culturale-politica. Così si presenta l'autore:

Mi chiamo Mosab Hassan Yousef. Sono il primogenito dello sceicco Hassan Yousef, uno dei sette fondatori del movimento di Hamas. Sono nato a Ramallah, in Cisgiordania, e appartengo a una delle più importanti famiglie religiose islamiche del Medio Oriente.

La sua storia personale si intreccia con la Storia più grande. Scrive Mosab Hassan Yousef:

Io ho una visione particolare di questa realtà, perché godo di una prospettiva unica: sono figlio di quella regione e di quel conflitto. Sono anche un figlio dell'Islam e di un uomo accusato di terrorismo. E sono, altresì, un seguace di Gesù Cristo.

E continua:

Prima di compiere i ventuno anni, ho visto cose che nessuno dovrebbe mai vedere: la miseria più aberrante, gli abusi di potere, le torture, gli omicidi. Ho partecipato con i massimi leader mediorientali a trattative internazionali segrete, inseguite dai principali quotidiani del mondo. Ho ricoperto ruoli di alto livello in Hamas e ho preso parte all'Intifada.

Un libro ben scritto – e ottimamente tradotto in italiano da Laura Pacciarella – che non rimane chiuso nelle circa trecento pagine dell'edizione italiana (molto curata, tra l'altro) ma è sempre in fieri perché Figlio di Hamas / Son of Hamas è anche un sito sul quale l'autore, Mosab Hassan Yousef, continua a scrivere i suoi commenti sugli avvenimenti più recenti. Molto utile l'appendice con i nomi dei protagonisti della storia di Mosab Hassan Yousef suddivisi in un ordine logico perché aiuta a muoversi meglio tra le pagine del libro e il glossario che spiega i termini specifici che accompagnano il racconto.

La mia più grande speranza - conclude l'autore - è che, raccontando la mia storia, io abbia potuto dimostrare al mio popolo, palestinesi seguaci dell'Islam, abituati da secoli a regimi corrotti, che solo la verità può renderli liberi. Ho raccontato la mia storia per far sapere al popolo israeliano che c'è speranza. Se io, figlio di un'organizzazione terrorista votata alla distruzione di Israele, sono arrivato al punto di amare gli israeliani e di rischiare la mia vita per loro, significa che c'è un barlume di speranza. La mia storia vuole essere, inoltre, un messaggio per i cristiani [...]. Dobbiamo guardare oltre le nostre regole religiose e offrire il nostro amore a chiunque, in ogni angolo del mondo, incondizionatamente. Offro la mia storia consapevole del fatto che molte persone, compresi coloro che più amo al mondo, non capiranno le mie convinzioni e il mio modo di sentire.

Mosab Hassan Yousef, in collaborazione con Ron Brackin
Figlio di Hamas.
Dall'Intifada ai servizi segreti israeliani

Gremese, 2011
ISBN 978-88-8440-693-4
pp. 272, euro 16

  • shares
  • +1
  • Mail