Il Pendolibro 2013 è online, con l’introduzione di Paolo Di Paolo

Il primo open eBook scritto dai pendolari italiani è disponibile gratuitamente online sul sito di Libreriamo.

Il Pendolibro 2013 è online, con l’introduzione di Paolo Di Paolo

Paolo Di Paolo

– finalista al Premio Strega 2013 con il romanzo Mandami tanta vita – scrive nell’introduzione al Pendolibro:

Troverete molti racconti pensati per lettori pendolari, con storie di ogni tipo che hanno per fondale i treni. A volte anche gli autobus e il metrò. Storie di ogni tipo - dolci, divertenti, amarognole, surreali e iperrealistiche. Con personaggi a cui, spostandosi, accade l’imprevisto: magari minuscolo, ma basta a mutare di segno una giornata. Oppure con persone come noi, come me e come voi, che - costrette a passare una gran parte della vita in treno - devono inventarsi una forma di resistenza psicologica alla ripetizione, alla monotonia, talvolta alla stanchezza. Ed è per questo che, dopo aver chiuso l’ennesimo libro, aprono un quaderno, un portatile e la fantasia - e scrivono una storia.

In sintesi è questo il Pendolibro 2013: una raccolta di racconti che nati intorno al mondo dei pendolari, di coloro che per motivi di studio o di lavoro passano buona parte della giornata a viaggiare e, per questo, spesso sono dei lettori forti.

Quarantuno racconti, selezionati tra i moltissimi arrivati alla redazione di Libreriamo, che raccontano la quotidianità di chi viaggia attraverso le parole di chi viaggia. Sì, perché questo è il valore aggiunto di questa pubblicazione, secondo me: chi scrive sa perfettamente di cosa sta scrivendo. Quindi non un testo disincarnato come spesso accade di leggere in opere di narrativa contemporanea, ma testi che nascono dall’esperienza e di essa hanno tutto il sapore. Troviamo pertanto sogni, incontri, avventure e disavventure di chi quotidianamente si muove da un luogo all’altro sui mezzi pubblici.

Il libro è scaricabile gratuitamente dal sito Libreriamo ed è disponibile nei formati ePub, mobi e pdf. Scaricatelo, leggetelo e, se credete, diffondetelo. Perché, in fin dei conti, ognuno di noi è pendolare nella vita.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO