La lettrice di Renoir alla GAM di Torino

Continuano le nostre "incursioni lettoriche" nel mondo dell'arte.


Dopo il ritratto di Madame de Pompadour, gran dama, nota lettrice, animatrice di salotti letterari e favorita di Luigi XV° ecco le delicatissime fattezze della fanciulla studiosa di Auguste Renoir. Un bel busto a tre quarti dipinto ad olio e recante le dolci forme sfumate di una deliziosa giovinetta con il naso infilato in un libro, che si lasceranno osservare in quel di Torino per quattro lunghi mesi, lungo tutta l'estensione della grande mostra dedicata ad Auguste Renoir.
Morbidi tratti che incantano, svelando un nasino impertinente ed un'espressione della bocca che tradisce una certa ilarità, molto probabilmente provocata dal testo dal quale immergono i magnifici occhi ridenti, tratteggiati con semplici ed affascinanti tratti di nero di una ragazza dipinta tra il 1874 e il 1876, e poi passata attraverso l'importante collezione di Gustave Caillebotte per varie istituzioni artistiche parigine, prima il musée du Luxembourg, poi il Louvre e la galerie du Jeu de Paume, per atterrare infine nel 1986 al musée d'Orsay, dove riposava fino ad intraprendere il recente viaggio verso il capoluogo piemontese, concedendo questa nuova occasione per trovarsi tête-à-tête con una delle rappresentazioni di lettrici più note del mondo dell'arte, anche se non si tratta dell'unica dipinta dal pittore. Ne esiste infatti anche un'altra, che va sotto il nome di "liseuse banche", ospitata anch'essa nelle sale del Musée d'Orsay di Parigi.

Nell'imagine Pierre-Auguste Renoir. La lettrice, 1874-1876. Olio su tela; 46,5 x 38,5 cm. Paris, Musée d’Orsay (RF 3757) © Bridgeman/ Archivi Alinari.

Via | mostrarenoir.it

  • shares
  • Mail