Guida per gentiluomini all'arte di vivere con eleganza, di Michael Dahlie

Guida per gentiluomini all'arte di vivere con eleganza, di Michael DahlieLo definirei un libro apofatico: a dispetto del titolo, infatti, l'opera prima di Michael Dahlie – vincitrice del Pen/Hemingway Avard 2009 e del Whiting Writers' Award 2010 e pubblicata in Italia da Nutrimenti con la traduzione di Marco Bertoli – non è una guida in senso tecnico, ma la narrazione delle avventure di Arthur Camden che, per una serie di circostanze, si ritrova ad essere un modello da non emulare.

Guida per gentiluomini all'arte di vivere con eleganza racconta le dis-avventure di Arthur Camden, uomo di successo con la sua ditta di import-export. Ma il divorzio dalla moglie Rebecca gli apre gli occhi sulla sua vita fallimentare. Ironia della sorte, più si rende conto di essere un fallito e di rimanere sempre più solo, più si ritrova in situazioni che, dal suo punto di vista gli servono per uscire fuori dalla stagnante situazione in cui si trova ma che, in realtà, lo fanno sprofondare sempre più verso il baratro. Incontri per cercare la nuova anima gemella che più che accendere passioni appiccano fuochi veri e propri, bevute goliardiche con gli amici che si trasformano in guai con la legge, viaggi da un capo all'altro del mondo per ritrovarsi e invece si finisce sempre da soli, in situazioni a dir poco rocambolesche.

Il libro di Michael Dahlie – insegnante di scrittura creativa alla Butler University – si legge con vero piacere e con un sorriso sulle labbra, sorriso che, però, sa di amaro perché mai, nel prosieguo della narrazione, cede il passo al ridere vero e proprio.

L'aspetto più interessante della Guida per gentiluomini all'arte di vivere con eleganza è l'incapacità del protagonista di fermarsi e ritrovare se stesso: i viaggi – sia fisici che mentali – che compie, gli impediscono di vedere quello che effettivamente succede e come risolvere i suoi problemi. Come se l'autore volesse dire che per per vivere con eleganza da veri gentiluomini il percorso da seguire è esattamente l'opposto di quello che compie Arthur Camden.

“Malgrado le difficoltà che ho dovuto affrontare”, disse, “voglio che sappiate che non mollo, e la ragione per cui non mollo è l'affetto che nutro per ciascuno di voi”.
Fu un momento strano e imbarazzante, e nelle settimane successive, ogni volta che ai membri del club capitò d'incontrarsi, divenne fra loro argomento di conversazione esclusivo. Ciascuno, com'è ovvio, esprimeva compassione. Tutti dicevano quanto fosse perfino difficile immagina al posto di Arthur, in quei frangenti. E pur con tutto ciò, nessuno nascose il fatto che un simile spettacolo delle proprie emozioni eccedesse non poco quello che ci si sarebbe aspettati. La cosa triste era che nessuno di loro aveva mai davvero considerato Arthur un amico.

Michael Dahlie
Guida per gentiluomini all'arte di vivere con eleganza
traduzione di Marco Bertoli
Nutrimenti, 2011
ISBN 978-88-6594-055-6
pp. 272, euro 17
disponibile anche come eBook: euro 9,90

  • shares
  • Mail