Perché sì e perché no al nucleare, di Flaminia Festuccia

nucleare Dieci grandi nomi di studiosi ed esperti ambientali hanno risposto alle domande della giornalista Flaminia Festuccia sulle ragioni contro e a favore l’energia nucleare. A pochi mesi dal referendum del 12 e 13 giugno, esce così in libreria, in due volumetti, “Perché sì” e “Perché no” al nucleare.

Le risposte del “perché no” sono arrivate da nomi come Fulco Pratesi (Wwf), Gianni Mattioli e Massimo Scalia (professori di fisica matematica), dal Presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli e dal docente di Chimica generale Vincenzo Balzani.

Sostenitori del sì, nel libro-intervista, sono invece stati il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Stefano Saglia, l'ad di Enel Fulvio Conti, Umberto Minopoli di Ansaldo Nucleare e poi ancora l’oncologo Umberto Tirelli (Cro di Aviano) e Chicco Testa, presidente del Forum nucleare italiano.

Fra i temi affrontati, le possibili – e fattibili – alternative energetiche al nucleare, i rischi per la salute, l’individuazione di siti adatti alla costruzione di impianti, in Italia, gli investimenti richiesti e, d’altra parte, la questione della ricerca di indipendenza energetica del nostro Paese.

Flaminia Festuccia (a cura di)
Perché no al Nucleare / Perché si al Nucleare
Armando Editore
8 euro (cad)


Nucleare, Flaminia Festuccia
Nucleare, Flaminia Festuccia
Nucleare, Flaminia Festuccia

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: