In uscita Il linguaggio segreto dei fiori, di Vanessa Diffenbaugh

linguaggio segreto dei fiori
I petali dei fiori sono così piccoli che sono quasi nascosti dai lunghi stami. «Nascosti», ripetei. «Nascondiglio uguale segreto. Stame uguale amore.»
Arrossii mentre lo dicevo, ma non distolsi lo sguardo.
E nemmeno Grant.

Esce il 5 maggio in contemporanea internazionale quello che sembra già un best seller annunciato, Il linguaggio segreto dei fiori, di Vanessa Diffenbaugh (qui in anteprima, scaricabile, il pdf del Dizionario dei fiori).

La protagonista, Victoria, ha paura del contatto fisico, "ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco".

Attraverso il codice dei significati dei fiori "che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città", Victoria riesce a comunicare col resto del mondo, perchè "quei fiori sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce".

D'altronde, come viene spiegato nel libro, il "linguaggio segreto dei fiori" viene dall’epoca vittoriana, e veniva usato proprio per comunicare senza parole o gesti i propri sentimenti.

"Secoli fa le persone comunicavano attraverso i fiori. Se un uomo regalava un mazzo di fiori a una giovane donna, lei correva a casa per cercare di decifrarne il messaggio segreto. Le rose rosse significano amore, quelle gialle infedeltà. Perciò un uomo doveva stare bene attento quando sceglieva i fiori".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 27 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO