Meno letteratura per favore!, di Filippo La Porta

Meno letteratura per favore!, di Filippo La Porta E' da poco uscito per i tipi Bollati Boringhieri un breve pamphlet, firmato dal critico militante Filippo La Porta, dal provocatorio titolo di Meno letteratura per favore!, un libretto la cui lettura mi ha lasciato un po' disorientato, oscillante tra uno scetticismo e un rifiuto per la selezione e l'analisi degli autori segnalati, e un effettivo apprezzamento e interesse per alcuni dei fenomeni che La Porta attacca.

Lasciando da parte le analisi e i giudizi letterari di La Porta, che francamente non condivido e che a sprazzi mi sembrano addirittura negare i suoi stessi punti di partenza critici, vorrei qui focalizzarmi su un argomento di indubbio interesse che emerge dalle pagine di questo volume: vale a dire la presenza sempre più marcata della letteratura nelle nostre vite quotidiane, una presenza troppo ingombrante.

Ovviamente in questo caso con il termine letteratura non si intende la finzionalità narrativa, al contrario, in questo caso la letteratura è intesa come patina di finzione e di retorica che si installa tra noi e il mondo formando una lente distorcente.

Nell'Italia attuale, dove niente sembra cambiare davvero nonostante un febbrile succedersi di eventi, tutti smaniano di raccontarci qualche storia. Rischiamo così di affogare nella fiction, nella sua dispotica, seduttiva invasività.

Ed è qui che, io credo, La Porta coglie nel segno e fa emergere un problema che in Italia (ma forse in tutto il mondo occidentale, se non oltre) si fa sempre più pressante, la questione dello statuto di verità di un certo modo di fare comunicazione, o meglio, della comunicazione all'epoca della sua massificazione totale. Il problema, io credo, è molto più serio di quanto non crediamo e ci porta effettivamente a perdere il senso della realtà dei fatti che ci accadono intorno e che ci lascia costantemente in uno stato simile al dormiveglia, tra la realtà del mondo e la finzione dei sogni.

Filippo La Porta
Meno letteratura per favore!
Bollati Boringhieri
euro 11

  • shares
  • +1
  • Mail